LA GIORNATA EUROPEA “DEI VICINI”: A TORINO CON L’ASSOCIAZIONE SARDA “ANTONIO GRAMSCI”

di ENZO CUGUSI

Tutti a tavola per   Il Pranzo dei vicini, nell’ambito della Festa dei Vicini 2020. Via Musinè ore 13

 La manifestazione organizzata dalla Città di Torino per il 14° anno consecutivo, promossa dall’associazione European   Neighbour’s Day e in Italia da Anci e Federcasa, si pone l’obiettivo di contrastare l’isolamento e   l’individualismo tipici dei quartieri cittadini e promuovere il valore comune della cittadinanza europea.La Giornata europea dei Vicini, è nata a Parigi nel 1999, registrando negli anni una crescente partecipazione delle cittadine e dei cittadini.

L’edizione 2020  si è svolta nel rispetto delle norme per la tutela della salute e della sicurezza individuale e come tutti gli anni i locali dell’Associazione Sardi Gramsci erano aperti agli abitanti del quartiere Campidoglio, pranzando in Via Musinè condividendo la cultura e l’esperienza del nostro prossimo qualunque sia il colore della pelle, qualunque sia la religione, qualunque sia la sua etnia.  Un’occasione per gli abitanti di uno stesso condominio o della medesima via per condividere momenti di festa e rafforzare il senso di comunità e offrire nuove opportunità per stare insieme ampliando il tema della vicinanza.

L’esperienza dei lunghi mesi di lockdown, segnata dall’emergenza sanitaria che ha messo a dura prova la tenuta del sistema economico e sociale ha fatto emergere nuove forme di solidarietà in risposta ai bisogni di aiuto di molti cittadini.  Una rinnovata sensibilità che ha animato molti ambiti e gruppi di popolazione consapevoli della necessità in cui la comunità torinese si è venuta a trovare.

Quest’anno la Festa dei Vicini è stata organizzata insieme   all’Associazione “Ecoborgo Campidoglio” e “Volere La Luna

2 risposte a “LA GIORNATA EUROPEA “DEI VICINI”: A TORINO CON L’ASSOCIAZIONE SARDA “ANTONIO GRAMSCI””

Rispondi a Giuseppe Baccalini Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *