IL RILANCIO DEL TURISMO PASSA PER L’ORGANIZZAZIONE DELLA DESTINAZIONE: LA SFIDA DI “SARDINIA EAST LAND”

di SIMONE TATTI

In un momento di cruciale importanza per il comparto turistico sardo, la Provincia di Nuoro organizza un incontro di condivisione e confronto, dedicato agli amministratori locali, per fare sintesi sulle attività svolte nell’ambito del progetto di promozione territoriale “Visit Nuorese” e pianificare congiuntamente le azioni di sviluppo della destinazione “Sardina East Land”.

All’incontro, che si terrà Lunedì 20 Luglio, alle ore 11.00, presso la sala consiglio della Provincia di Nuoro,  interverranno i componenti della Cabina di Regia del progetto, l’Amministratore Straordinario della Provincia, Costantino Tidu, l’Assessore Regionale al Turismo, Gianni Chessa, il Sindaco di Nuoro, Andrea Soddu e il Presidente della Camera di Commercio, Agostino Cicalò, mentre il Destination Manager e Responsabile del Team Tecnico di Progetto, Andrea Succi, illustrerà le attività sinora realizzate e quelle che nell’immediato futuro coinvolgeranno direttamente amministratori e operatori economici locali.

Il nostro obiettivo – afferma l’Amministratore della Provincia di Nuoro, Costantino Tidu – è di organizzare un’offerta qualificata di ospitalità affinché possa contribuire ad attrarre più turisti nel territorio, implementare il volume d’affari delle imprese e quindi migliorare la qualità della vita delle persone che ci abitano.

In questo frangente – aggiunge Tidu – l’intero apparato economico, e in particolar modo il comparto turistico, sta subendo un duro colpo; pertanto è nostro dovere pensare a come riorganizzare le fila e metterci, nel limite delle nostre possibilità, a disposizione dei soggetti economici che operano in questo segmento, affinché questo momento di difficoltà possa essere superato quanto prima.

Lo scopo del progetto Visit Nuorese, infatti, è di costituire una destinazione turistica globale nei territori del Nuorese e dell’Ogliastra, denominati per l’occasione “Sardinia East Land”, integrando l’offerta dei servizi pubblici e privati e implementando il grado di fruibilità fisica e digitale degli attrattori, anche mediante la costruzione di un portale dedicato entro in quale ricevere supporto, informazioni e poter prenotare la propria vacanza nel territorio ventiquattro ore su ventiquattro, sette giorni su sette.

A tal proposito – conclude l’amministratore provinciale – è di fondamentale importanza che tutti gli amministratori locali partecipino attivamente a questo processo di sviluppo comune, contribuendo alla definizione dell’identità della destinazione e facendo in modo che gli attrattori presenti nei propri Comuni possano essere adeguatamente rappresentati all’interno delle mappe realizzate a supporto del Catalogo dei Prodotti turistici della destinazione che andremo a realizzare e che promo-commercializzeremo nei mercati internazionali.

In ottemperanza a ciò, l’approccio fortemente partecipativo caratterizzante il piano d’azione è finalizzato all’attivazione di un processo di responsabilizzazione collettiva volto a formare comunità ospitanti e autenticamente accoglienti che possano divenire un valore distintivo per il rilancio del turismo locale, gravemente danneggiato a seguito delle restrizioni sociali imposte a causa dell’emergenza pandemica.

Quest’avvenimento – afferma il Destination Manager Andrea Succi – muterà inevitabilmente il modo di intendere e di concepire il turismo nel prossimo futuro. Nel dopo Covid19, infatti, non sarà più il singolo operatore a determinare la motivazione del viaggio di un turista, quanto, piuttosto, la piacevolezza della destinazione e il grado di affidabilità, organizzazione e sicurezza che quest’ultima riesce a trasmettere. Noi stiamo per l’appunto, già da diverso tempo, lavorando in tal senso, affinché questo territorio possa trovarsi preparato ad affrontare le sfide del turismo che verrà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *