ANCORA DUE TESTI PER CELEBRARE ONLINE “SA DIE DE SA SARDIGNA” 2020

contributi di MARIO CAMBEDDA e MARCELLO VAGLIO

MARIO CAMBEDDA con SA RUNDINE

In die nodia dedico su cantu

Fintzas a continente ola puesia

Siant’is alas de su nostu entu

E su circulu ostu bene nenia.

Po sa die dde s’amada sia

S’insula nosta in festa e cunsacrada

Dde amore oe, e in tempus enidore

Non siat s’insigna mai ismentigada.

E inis coros sias assentada

In tottus is sitos sias presentada

E sa bellesa in coros e in mente

Istimae s’arratza permanente.

E siat s’armonia istimada gente

Sa libertade su rispettu su sabore

Su dirittu s’unione cun s’amore.

E siat sa festa sa die ’e su riscattu

Dae manos agnena cun intragnas malas

Non siat in fida prus contaminada.

E in sos sittos po meritu e dirittu

Sa die dde sa sardigna cun lebiesa

Salos a tottus cun sabiesa.

In occasione de “Sa Die de sa Sardigna”, un caro amico del Circolo “Sa Rundine” di Bollengo, Mario Cambedda di Tonara (NU), ci ha dedicato questo sonetto. (Il presidente Francesco Sini).

Dedicada a su circulu sardu “Sa Rundine” in mano de sa cara paesana istimada, Gabriella. Cun afettu, un’abbrazzu. (Mario, Nuoro 28 abrile 2020).

MARCELLO VAGLIO con RITORNO A CAPO TESTA

A Colomba

E ancora s’affacciava ai miei mattini

per la finestra levantina

il grido violetto della buganvillea

e le dita della palma – il nostro

anemometro – spiovevano ondate di maestrale

sullo xilofono della persiana

o levigavano silenzi – attese

d’alba sul picchettato dei grilli –

ai nostri sogni notturni. //

Era il riposo un compagno

equo e leale: a me

e allo scorpione – confidente

presenza che vegliava, oscura

fra parete e armadio, sul mio sonno –

in convivenza pacifica: a me

la notte, a lui il giorno. Io pure

creatura notturna – sognatore –

a lui mi sentivo fratello

per natura e in natura. //

Ogni cosa si donava amica

in quel tempo fraterno: la minaccia

innocua – o messaggio cifrato – del ragno volterrano

– tredici sigilli rossosangue

su smalto nero – nell’ombra d’un muretto,

i nuovi giorni, l’urlo 

del sole a pieno cielo, il volo

appuntito del gruccione: un grido

frenetico di luce s’impennava

d’oro di rame e di smeraldo. //

Ma il vento, il vento sì mi cantava

la musica giusta – e come

lo assecondava la palma – e propiziava

il sonno dell’ingiusto

al mio cuore agitato. Con l’aurora

bussava un ramo della buganvillea

alla verde persiana del mio giorno.

Al tocco, ho riconosciuto

il canto levantino; ho aperto all’irrompente

foga di ricongiunto fratello

in abbraccio di azzurre folate:

e ci arrideva il sole.  (1990)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *