BERANU AT A IRGHELARE SU DOLORE / LA PRIMAVERA CACCERÀ VIA IL DOLORE

immagine di Belinda Boeddu

di TONINO MULAS

Su ludu si che l ‘at leau su riu/
chi s’ est in su temporale ufrau/
a sa tanca ‘e s’ adde
ch’ est curriu/
e sa terra dae nou at imprinzau/

Est rimpudiu dae ludu su laore/
e su laore pustis fachet tricu/
tot’in d’unu irbrocant sos frores/
si pesat de pudericu
un’ innicru/

s’erva selenada de s’ impudile/
s’est de virde mamale coloria/
in su sole ispartu manzanile/
nuschende de puleu et
de tiria/

sa erveche paschet chin s’anzone/
chi l ‘est suende sa tita famidu/
in s’ arvore pipiant sos puzones/
sas rundines tirriant dae su nidu/

su trau chin sa tentorza est in amore/
su mundu a sa natura s’est unidu/
Beranu at a irghelare su dolore/
torra s’omine at bintu s’inimigu.
Antonello Mulas

LA PRIMAVERA CACCERÀ VIA IL DOLORE

Il fango trascinato via dal fiume/
gonfiato dal temporale/
é sceso nel campo a valle/
e ha fecondato la terra/

Dal fango sono nati i germogli/
e i germogli faranno grano/
tutt’intorno sbocciano i fiori/
risuona il nitrito di un puledro/

l ‘erba imbiancata di rugiada all’ alba/
colora verde malva/
al sole aperto del mattino/
e profuma di mentuccia e di ginestra/

la pecora pascola con l agnello/
che succhia vorace la mammella/
nell’albero cantano gli uccelli/
e le rondini cinguettano dal nido/

il toro amoreggia con la giovenca/
il mondo é ritornato alla natura/
la primavera caccerà via il dolore/
Ancora l’uomo ha vinto il male.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *