GIORNATA DELLA MEMORIA AL CIRCOLO “LOGUDORO” DI PAVIA IL 26 GENNAIO CON LA MOSTRA DOCUMENTARIA SULLA FAMIGLIA ALT

evento segnalato da PAOLA PISANO

Il Circolo culturale sardo “Logudoro” di Pavia commemorerà la  ricorrenza della Giornata della Memoria con una mostra documentaria, allestita nel salone e con una conferenza tenuta dalla Presidente, dr.ssa Paola Pisano, studiosa dell’antisemitismo, che ha già all’attivo diverse mostre e pubblicazioni anche in collaborazione con la sorella Gina.

Dopo una sintetica descrizione delle leggi razziali in Italia, promulgate nel 1938, si parlerà principalmente della famiglia ebrea Alt di Pavia, vittima delle persecuzioni razziali.

A suo ricordo il Comune di Pavia nel 1976 ha dedicato una strada e, nel gennaio 2019, a memoria di Giovanni Alt, morto ad Auschwitz, su proposta di Paola e Gina Pisano, l’ANPI provinciale ha collocato una pietra d’inciampo di fronte al portone d’ingresso della sua abitazione nell’attuale viale Vittorio Emanuele II, nei pressi della stazione ferroviaria di Pavia.

SCHEDA BIOGRAFICA DELLA FAMIGLIA ALT

La famiglia ALT risulta iscritta nei registri di popolazione del Comune di Pavia dal 21 giugno 1935.

Giovanni ALT (il nome originario è HANS) è oriundo austriaco naturalizzato italiano. Nato a Vienna il 18.11.1886, vive e lavora a Trieste; il 5 maggio 1915 sposa Carolina (Lina) Tolentino, anche lei ebrea, residente a Trieste con la famiglia, ma nata a Spalato il 20 maggio 1883. Giovanni è impiegato in una società d’assicurazioni belga e per questa ragione si reca spesso all’estero; Lina è casalinga, ma la loro condizione economica è buona, pur non avendo altri redditi, né beni immobili. Dalla coppia l’11 giugno 1916 nasce a Budapest il figlio Bruno, che frequenterà poi le scuole triestine. Conseguita la maturità, Bruno si trasferisce all’Università di Pavia nell’autunno del 1934, dove s’immatricola nella Facoltà di Medicina e Chirurgia. Raggiunto dai genitori, la famiglia prende in affitto un appartamento in viale Nizza,8, (oggi viale Vittorio Emanuele II).

Il padre, nel frattempo, è andato in pensione. Bruno si laurea con lode nel giugno del 1940 e inizia il corso di specializzazione nella clinica medica dell’ospedale S. Matteo.

In esecuzione delle leggi razziali fasciste del 1938, i membri della famiglia Alt sono iscritti negli elenchi dei cittadini di razza ebraica.

Il primo febbraio del 1939 la Corte dei Conti registra il Regio Decreto che revoca la cittadinanza italiana a Giovanni e al figlio Bruno, avendola entrambi ottenuta dopo il 1919.

Nel 1941 Bruno è costretto a lasciare l’attività ospedaliera, essendo vietato agli ebrei di lavorare negli enti pubblici. L’esclusione ferisce l’animo del giovane. L’anno dopo, un giorno in cui la madre si reca a Trieste dai familiari, Bruno accusa un improvviso malore e deve essere condotto all’ospedale d’urgenza. Muore il giorno successivo, il 5 settembre 1942, a poco più di 26 anni. Il referto medico diagnostica come causa di morte un’atrofia gialla acuta. Un’attendibile testimonianza riferisce invece che il giovane si sia suicidato, depresso per la discriminazione razziale subita.

Durante la repubblica di Salò e l’invasione nazista Lina e Giovanni sono arrestati a Pavia e condotti in carcere. Lina, sofferente di una grave forma di artrite, è ricoverata in un ospedale a Milano, dove il medico curante riesce per un certo periodo a impedirne il trasferimento; in seguito viene poi trasportata a Bolzano, in attesa di essere tradotta in Germania. Nel frattempo la guerra finisce e riesce a tornare a Pavia; muore in una casa di riposo per anziani ebrei a Milano nel 1963.

Giovanni, dopo l’arresto, è trasferito nel campo di concentramento di Fossoli (Modena) e da qui deportato il 22 febbraio 1944 nel campo di sterminio di Auschwitz.

Probabilmente è stato eliminato il giorno stesso dell’arrivo; non si sono mai avute sue notizie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *