A CAPO FRASCA IL MOVIMENTO CONTRO LE BASI MILITARI DIMOSTRA LA SUA VITALITA’. MA ORA SERVE UN CAMBIO DI PASSO

di VITO BIOLCHINI

Al netto delle scaramucce che hanno caratterizzato l’ultima parte della manifestazione, quando ormai quasi tutti eravamo sulla strada di casa e che hanno coinvolto soltanto chi la manganellata è andata proprio a cercarsela, la manifestazione a Capo Frasca è stata bella, pacifica, importante, partecipata. Meno slogan e più ragionamenti, più ascolto e meno urla, più gente comune e meno politici.

Già, i politici. Rispetto a cinque anni fa non si è visto il Pd, non si sono visti i 5 Stelle, e nemmeno si sono visti i sardisti: segno che quando si arriva al governo si dimenticano le lotte, spesso cavalcate solo strumentalmente. Ma a Capo Frasca non si sono visti nemmeno i sindaci del territorio (cinque anni fa il primo cittadino di Arbus prese la parola) e questo è molto grave.

Assenti poi i sindacati confederali, evidentemente troppo impegnati a sostenere Confindustria che vuole realizzare la dorsale del metano, raddoppiare la fabbrica di bombe Rwm di Domusnovas e che sta difendendo le centrali a carbone. In questo si sono trasformati nella nostra regione Cgil, Cisl e Uil: in sindacati gialli.

Ma se le assenze volevano provare a mettere in difficoltà il movimento che in Sardegna si batte contro la sproporzionata occupazione militare del territorio e la devastazione ambientale causata dalle esercitazioni, il tentativo è fallito. Il movimento esiste ed è numeroso e ieri ha dato prova di vitalità, con quattromila persone (stima attendibile) che hanno manifestato davanti alla base.

“A Capo Frasca una grande festa di popolo. Ora però chi guida il movimento?” mi chiedevo cinque anni fa. La risposta ieri è arrivata chiara: non certo i partiti, ma i movimenti. A Foras è riuscita nell’impresa di mettere assieme tantissime sigle di diversa provenienza, dando alla lotta una corretta dimensione plurale che poi è stata richiamata anche da diversi interventi. Obiettivo raggiunto, e di questo dobbiamo essere grati a chi si è speso in prima persona per la riuscita della manifestazione.

Certo, molto resta ancora da fare. Servirebbe un coordinamento più largo, capace di mobilitare le singole associazioni nel corso dell’anno e nei diversi territori, con l’obiettivo di de-ideologizzare questa battaglia che sarebbe tanto più efficace quanto più si riuscisse a coinvolgere persone al di fuori della cerchia ristretta dei circoli indipendentisti o della sinistra radicale, che comunque hanno il sacrosanto merito di avere tenuto alta in questi anni la bandiera della mobilitazione.

Il manifesto firmato dagli intellettuali è un buon punto di partenza. A loro spetta adesso il compito di impegnarsi quotidianamente nella lotta contro l’occupazione militare della Sardegna e di coinvolgere altri settori della società civile. Lo faranno realmente? Io voglio sperarci.

Anche perché ora serve un cambio di passo. Le manifestazioni sono importanti ma non (al pari degli scontri con la polizia, per chi piacciono) se si trasformano in un rito. Ecco, la giornata di ieri sarà importante solo se segnerà un punto di partenza verso un modo anche diverso di fare militanza. E i primi segnali già si sono visti, nei toni degli interventi, meno urlati e più ragionati rispetto a cinque anni fa.

Di ieri resterà impressa a tutti la forza tranquilla di Luisu Caria che ha aperto gli interventi, così come le parole di Emanuele Lepore che da “italiano” e fratello di un militare morto dopo lunghi anni di permanenza a Quirra, ha invitato il movimento a non chiudersi nell’orizzonte sardo ma aprirsi al confronto con i movimenti contro le basi presenti anche in Italia. 

Resteranno nei nostri cuori le ultime parole di una mamma di Escalaplano per la figlia nata con gravi malformazioni, lette da Bettina Pitzurra, e lo struggente canto a cappella di Claudia Crabutza.

Ci ricorderemo di Cinzia Guaita del Comitato Rwm che ha ricordato con parole gentili come in tanti fossero arrivati lì a Capo Frasca seguendo strade di impegno diverse, e l’emozione della regista di “Balentes” Lisa Camillo (dalla Costa Smeralda con furore, ed è il suo un percorso di militanza evidentemente originale).

Ci ricorderemo delle parole di Gianfranco Sollai che, impegnato come avvocato nel processo di Lanusei per la vicenda di Quirra, ha invitato il potere giudiziario ad agire con imparzialità; e ci ricorderemo di Mariella Cao di Gettiamo le Basi (che mai smetteremo di ringraziare per il suo impegno solitario negli anni di cui di basi militari non parlava praticamente nessuno) che ha offerto lo spunto di riflessione più interessante della manifestazione: “La Sardegna è sia vittima che carnefice dei militari, perché subisce le esercitazioni ma al tempo stesso fa parte di uno stato che offre il suo territorio ad eserciti che poi colpiscono le popolazioni civili. Ecco: se riusciremo a liberarci del ruolo di vittime, automaticamente smetteremo di essere anche carnefici”.

I poligoni, le esercitazioni, le guerre: tutto si tiene. L’esercito turco è stato spesso in Sardegna nelle nostre “bombing test areas” e oggi colpisce le popolazioni civili curde. A Capo Frasca abbiamo manifestato anche per loro. E lo faremo ancora.

2 risposte a “A CAPO FRASCA IL MOVIMENTO CONTRO LE BASI MILITARI DIMOSTRA LA SUA VITALITA’. MA ORA SERVE UN CAMBIO DI PASSO”

  1. Bellissima manifestazione, bellissima festa. Fieri e pieni di “orgoglio sardo” per aver pa
    rtecipato.
    Di certo deludente e spunto di seria riflessione la totale assenza degli amministratori locali e regionali, dei pescatori e della popolazione dei dintorni.
    Devo dire che l’avevo previsto (abito in questa zona e”respiro quest’aria”), ma non immaginavo quanto potesse essere diffusa la scarsissima sensibilità e l’indifferenza verso l’argomento.
    Ho letto anche commenti orribili su “unionesarda.it”, prodotti, secondo me, da semplicissima ignoranza che porta come conseguenza menefreghismo e indifferenza.
    Noi che abbiamo la cultura della pace, del rispetto per i più deboli, per noi stessi e per gli altri; Noi che amiamo in maniera viscerale la Nostra Terra e la Nostra Sardità; Noi che non abbiamo interesse a scontrarci con la polizia, ma che abbiamo tenuto le pattuglie a ronzarci intorno fino a tardi (e sprecare purtroppo tanto carburante) fino a che devono aver capito che lí non servivano proprio a nulla; Noi che abbiamo vissuto insieme questa giornata di festa sappiamo bene che i movimenti sono sempre più ed in fermento, e su questo bisogna lavorare costantemente sensibilizzando e coinvolgendo per far sì che la voce sia sempre più forte.
    Grazie a tottusu.
    Grazie a Vito Biolchini e tottusinpari, voce importante.

    Marco Usai
    Capofrasca Sound System

  2. Alternative a Capo Frasca
    L’immensa potenzialità di sviluppo turistico nella parte meridionale del Golfo di Oristano, accanto al paesino di Sant Antonio di Santadi, è compromessa dal vicino poligono militare di Capo Frasca, tuttora attivo, che fa piovere bombe e missili sulla terra e nelle cristalline acque del mare circostante.

    Nella baia protetta in fondo a questo golfo, c’era ubicata Neapolis, a detta di Plinio, “la città più importante della Sardegna”, di cui sopravvivono solo pochi resti archeologici, non essendo mai stata scavata. Chissà quante meraviglie nasconde? Forse reperti altrettanto importanti come i famosi Giganti di Monte Prama trovati nella riva nord dello stesso golfo.

    Qui di fronte si trova il delizioso borgo di pescatori Marceddì, che ospita qualche piccola barca da pesca, mentre invece sarebbe posto ideale per un approdo attrezzato per il turismo nautico, in quanto quella costa è carente di porti per la circumnavigazione della Sardegna. Oltretutto, la fertilissima piana di Arborea ne fornirebbe la cambusa con ogni ben di dio agricolo-caseareo di cui è giustamente famosa.

    Però l’ostacolo principale alla realizzazione di questa formidabile potenzialità di sviluppo turistico-nautico, rimane il poligono militare di Capo Frasca, che dovrebbe essere eliminato, le terre e acque bonificate e restituite ai Sardi, per uno sviluppo economico sano, eco-compatibile e duraturo nel turismo-nautico-agro-alimentare.

    La massiccia manifestazione popolare a Capo Frasca, è un importante passo avanti in questa direzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *