GLI INEDITI DEL POETA – PASTORE: I VERSI DI SALVATORE SANNA ULGHERI DEDICATI A FRANCESCO MUREDDU

di LUCIA BECCHERE

Ritrovati due sonetti acrostici e 11 ottave datati 1930 che il poeta pastore contadino Salvatore Sanna Ulgheri, nato ad Illorai nel 1867, dedica a Francesco Mureddu di Gavoi in occasione della laurea del figlio Peppino, il giovane oculista Giuseppe Mureddu per l’appunto, esaltandone le qualità professionali: «daet sa lughe a s’ogru serradu/a dogni cegu li torrata sa vista» e loda l’amicizia che lo lega a «su caru Franziscu, coraggiosu, onestu e virtuosu/de passenzia, onestade e indefessa attividade/chi ata dadu a lughe bonos fizos». A lui l’amico poeta formula sinceri auguri «vivas in custu mundu allegramente/ comente tue vizos e muzere» e ancora «beneittu bos siat d’ogni avere/deus bos diat benedissione/finas a s’ultima generassione/coronadu de nettas e nebodes/ti morzas a s’edade de chent’annos».

Per troppo tempo dimenticato, questo grande poeta estemporaneo in lingua sarda, aveva frequentato il ginnasio e si era sposato ad Ottana dove morì nel 1949. Aveva amici ovunque fra i quali il poeta nuorese Sebastiano Satta con il quale aveva intessuto una fitta corrispondenza di cui purtroppo oggi non rimane traccia, mentre nella Biblioteca Satta di Nuoro sono custodite le liriche e i sonetti che Ulgheri aveva scritto per commemorare il celebre vate “sa trumba sardiniana”, i versi “All’amata che chiamasi Rosa” e “Sotto la figura di una rosa” datate 1913 e il canto scritto in memoria di Gavino Luciano Contini (Siligo 1860-1934), il più grande e sicuramente il più amato poeta italiano di lingua sardo logudorese.

Il sonetto “A tanto nome, alcun elogio è pari” datato 1926 è dedicato alla città di Nuoro, grande per avere dato i natali al celebre amico, a Grazia Deledda e a P. Angelo Conquedda, “filosofo e fisicu potente” (professore di fisica sperimentale e membro del Consiglio Teologico nella R. Università di Cagliari). Ulgheri ha scritto anche il sonetto in morte a Satta, «dignu de su pius altu elogiu» e il sonetto “Sos versos tuos che riccas minieras” che recita «E cun surpresa si b’àt incontradu/ in sa salma de s’angelica culumba/sonettos largos in dun’istrintu ispaziu» riferendosi a “I canti della culla” (1907) che il poeta dedicò alla figlioletta Raimonda (1907) morta poco più che neonata. I manoscritti che Satta aveva collocato all’interno della bara furono ritrovati nel 1924 quando dopo la morte dello stesso poeta, fu riesumata la salma della piccola. Ulgheri per l’occasione scrisse anche l’Ottava «Cando sa dura ispada de sa morte/ti ch’at rapidu da-e sa familia/su genitore tou oh maraviglia/cun versos t’at fattu larga corte». Scrisse anche una lira di 14 strofe in undecasillabi per la morte «de sa trumba sardiniana, prenda perdida, novellu dante, famosu oradore, lughe de Sardigna», la cui morte ha «trapassadu su coro/de Clorinda istimada/ s’amabile muzere fida e pura» e ha spezzato il cuore di «Giuseppinu frade amadu» nell’apprendere la fatale notizia mentre si trovava a Roma, ma soprattutto perché: «In s’edade infantile/lassat s’unicu fizu (Vindice)/ chi deet esser de su babbu/ chi no àt connotu, dizu dignu/ ». Altri sonetti commemorativi scritti da Ulgheri, ricordano i discorsi funebri di Delitala e Mastino, la gente comune e tutti i grandi che lo hanno accompagnato nell’ultimo viaggio: Ballero, Papandrea, Sanciu “s’istella de su Goceanu”, Lai, Berlinguer e Mura “bonorvesu”, «offertu l’an sos coros in sa manu», professori e alunni che «cun bandieras in manos» intonavano inni «pro su mastru» mentre esprimono il suo grande rammarico per non essere stato presente: «Piant’appeo ca fia lontanu/mi paret d’aer commitud’un’abusu ». «Morit su corpus, ma sa fama non morit» conclude Ulgheri nella sua lunga lirica, riferendosi a Satta per poi accomiattarsi con questi versi: «O caru mastru nostru/cun rispettosu inchinu/e cun profondissimu dolore/ti naro a boghe manna/chie ti cantat est Barore Sanna».

Altre opere dello stesso autore: Pro Antonietta Frassu / Risposta de Santu Nigola / Sa religione / Su ladru / Pro ischerzu / Sa mancada ‘e su caffè / Sant’Antoni pedinde domo.

per gentile concessione de https://www.ortobene.net/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *