SUI SENTIERI DEL MONTE (ORTOBENE): UNA GUIDA DETTAGLIATA CON DIECI ITINERARI CURATA DA SEVERINO PRINA E MASSIMILIANO MELE

il Redentore sul Monte Ortobene di Nuoro
di LUCIA BECCHERE

I sentieri del Monte Ortobene (edizioni Segnavia) di Severino Prina e Massimiliano Mele, è una preziosa ed interessante guida per tutti, in particolare per i nuoresi per i quali il Monte rappresenta da sempre il simbolo della loro identità.

L’Ortobene, celebrato dai suoi figli più illustri – sulla cui cima più alta svetta la statua benedicente del Redentore – oggi oasi faunistica, appare al visitatore magico ed incantato con i suoi graniti secolari, vere e proprie opere d’arte a cielo aperto, i suoi avvincenti percorsi, i colori e suoni misteriosi che violano i silenzi di cui si ammanta la natura.

Di grande valore storico e paesaggistico, il testo – in copertina Sos nodos de Cottonattos che sovrastano Nuoro (foto di Annico Bartoloni) si arricchisce della prefazione del grande fotografo naturalista Domenico Ruiu, di splendide fotografie degli autori, dove gli stessi si propongono nelle loro escursioni e dove si possono ammirare paesaggi mozzafiato, picchi e valli, domus de janas, mappe ragguagliate e sentieri affascinanti talvolta poco conosciuti. Prina e Mele propongono al lettore dieci itinerari escursionistici scelti con cura e competenza indicando non solo il livello di difficoltà che i percorsi comportano, ma anche la cartina del percorso, varianti comprese, e una fedele e ricca descrizione dell’intero tragitto con l’indicazione dei toponimi, i siti di particolare interesse paesaggistico e archeologico, citazioni tratte dai racconti della Deledda, leggende popolari che da sempre hanno intrigato la fantasia dei nuoresi ed infine una scheda tecnica informativa sulle difficoltà, tempi di percorrenza, tipologia del terreno e perfino la segnaletica. Il tutto mirato anche a favorire numerose presenze di visitatori per una proficua ricaduta economica, sociale e culturale su tutto il territorio.

Nelle pagine del testo, dove non mancano preziose e utili raccomandazioni per il rispetto dovuto all’osservanza dei periodi di nidificazione affinché l’equilibrio biologico delle specie protette non subisca alterazioni, si coglie il grande amore degli autori per la natura. Al lettore vengono proposte ragguagliate descrizioni e splendide immagini della flora e della fauna dell’Ortobene, dove fascino e mistero si mescolano al piacere della scoperta in un crescendo onirico, dove arte e natura si interiorizzano e lo sguardo e il pensiero si perdono catturati dalla bellezza dei luoghi.

Il libro è uno strumento di conoscenza utile agli escursionisti esperti o neofiti, giovani e meno giovani, che intendono vivere il Monte in solitudine o in compagnia alla ricerca del benessere, alla scoperta di siti archeologici testimoni secolari della nostra storia, di ruderi attestanti luoghi di culto, di presenze di strutture abitative che risalgono al passato: carbonai, tagliapietre, pastori. Oggi il Monte, dove le abitazioni residenziali sono appannaggio di pochi, accoglie un’unica famiglia stanziale di pastori nella caratteristica casa nella roccia a Sedda Ortai, meta incessante di numerosi visitatori.

per gentile concessione de https://www.ortobene.net/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *