DOPO IL BRASILE “VISIONI SARDE” ARRIVA ANCHE A MARACAY, NEL MARTORIATO VENEZUELA

di BRUNO CULEDDU

Nel giro di pochi giorni la rassegna cinematografica “Visioni Sarde”, promossa dalla Regione Sardegna – Assessorato del Lavoro, è stata presentata a San Paolo del Brasile (30 giugno, “Italian Film Fest”), Gavoi (5 luglio, “L’Isola delle Storie”) e Maracay in Venezuela (5 luglio, “Festival De Cortometrajes Sardos”). Il prossimo appuntamento è fissato per il 23 luglio a Carbonia nell’ambito della manifestazione “E state in sala!”.

A Maracay la proiezione dei cortometraggi è avvenuta presso la Casa d’Italia, prestigioso spazio culturale destinato a diffondere la lingua e la cultura italiana in Venezuela, una nazione che mantiene tradizionalmente forti legami con il nostro paese.

Mariano Palazzo, Presidente del Comitato Dante di Maracay e organizzatore del “Festival De Cortometrajes Sardos”, ha dichiarato che l’evento è stata una preziosa occasione per conoscersi reciprocamente, per presentare ai venezuelani, agli studenti dell’Accademia e agli italo-venezuelani uno spaccato “della nostra impareggiabile Italia” e l’inizio di un dialogo. “Questa esperienza – ha affermato Palazzo – ci ha permesso inoltre di prendere contatto con delle persone a Valencia (50 km ad ovest di Maracay) che si sono dimostrate interessate a riproporre il festival presso il club italo-venezuelano locale”.

Anche sotto l’aspetto artistico il bilancio del festival è stato molto positivo. I corti sono stati apprezzati come “nuove visioni della realtà e attualità sarda che mostrano capacità espressiva, stile narrativo, creatività e originalità nella descrizione degli eventi, situazioni, personaggi, emozioni e sentimenti”.

Ha collaborato all’organizzazione anche la dottoressa Evelyn Ranauro-Borges, in organico dell’Associazione Campana locale. Il pubblico era composto non solo dai docenti e dagli studenti dell’Accademia Dante Alighieri ma da rappresentanti dell’associazionismo italiano in Venezuela. Tra i presenti: l’ing. Pier Luigi Michelangelo, presidente dell’Associazione Abruzzese di Aragua, e il dottor Luis Castillo, direttore responsabile della Lingua Italiana del Dipartimento di Lingue Straniere presso l’Università Pedagogica El Libertador (UPEL), nucleo Maracay.

La presentazione della serata culturale è stata affidata a due professioniste di origine sarda: la  prof.ssa Giannina Ballette e la prof.ssa Diana Secchi.

Il prossimo appuntamento per “Visioni Sarde” è a Carbonia il 23 luglio alle 21:30, nella Sala Fabio Masala della Fabbrica del Cinema (in piazza Sergio Usai, all’ingresso della Grande Miniera di Serbariu). La rassegna è ospitata all’interno di “E state in sala!“, festival cinematografico promosso e organizzato dal Centro Servizi Culturali Carbonia della Società Umanitaria, in collaborazione con Arci, Ucca e Ficc, con il sostegno della Fondazione Sardegna Film Commission.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *