CAPIRE LA FORZA DELL’INCLUSIONE ATTRAVERSO IL TEATRO: DUE GIOVANI SARDE A REYKJAVIK IN ISLANDA PER IL PROGETTO ERASMUS+

di MICHELE SALIS

Fanno parte di un gruppo di 35 tra giovani ed educatori partiti da tutta Europa le due giovani sarde che da una settimana hanno lasciato Cagliari alla volta della capitale dell’Islanda Reykjavìk per prendere parte al progetto Erasmus+ “Theatre of the Oppressed for social change!”.Questo corso di formazione, è stato pensato per esplorare il tema dell’inclusione sociale e dell’intelligenza emozionale attraverso la forza del Teatro dell’Oppresso, una forma di educazione popolare basata sulla comunità, che usa il teatro come strumento per il cambiamento sociale ideata dal regista e scrittore brasiliano Augusto Boal.

Durante tutta la durata del progetto, le partecipanti hanno avuto l’opportunità di confrontarsi con i loro corrispettivi provenienti da Irlanda, Francia, Grecia, Slovenia, Islanda e Spagna guidati dai professionisti del settore Deirdre Quinlan, dall’Irlanda, e Diego Marín, Spagna.

L’iniziativa è promossa da Ipsia Sardegna nell’ambito della sua attività di confronto giovanile internazionale. “Alla base di una reale comunità Europea non può che esserci il valore dell’inclusione, in tutti i suoi significati – spiega la presidente di Ipsia Benedetta Iannelli –. Oggi più che mai è necessario adottare strumenti diversi, innovativi, che possano coinvolgere i giovani, soprattutto i più fragili. Si tratta di un training, un progetto formativo che, a differenza di altre iniziative di scambio giovanile promosse da Erasmus+, mira a condividere esperienze e metodologie per poter lavorare nel settore socio-educativo. Le partecipanti torneranno con nuove competenze da spendere nel nostro territorio, al servizio delle nostre comunità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *