POETRY SLAM, FINALE SARDEGNA 2019 (VI EDIZIONE): L’8 GIUGNO A NUORO

foto Biblioteca Satta Poetry Slam Nuoro
segnalazione GIOVANNI SALIS

3 minuti a testa, solo voce e corpo, testi scritti di proprio pugno, il pubblico decreta il vincitore

Sabato 8 Giugno

Giardino della Sezione Sarda della Biblioteca Satta

Piazza Giorgio Asproni n.8

Nuoro

Si terrà sabato 8 giugno, alle ore 20, nel Giardino della Sezione Sarda della prestigiosa Biblioteca Satta, in piazza Giorgio Asproni n.8, a Nuoro, la sesta edizione della Finale regionale del Poetry Slam, organizzata dalla sezione sarda della L.I.P.S. (Lega Italiana Poetry Slam), con la fondamentalecollaborazione del Consorzio per la Pubblica Lettura “S.Satta”, che vedrà sfidarsi sul palco alcune delle migliori voci e penne del territorio qualificatesi nelle quattordici serate di Poetry Slam, le sfide di poesia contemporanea con libertà di tema e forma, disputate in tutta l’isola durante la stagione 2018/2019.

In gara ci saranno riconosciuti artisti della parola, del palco e della voce, quali: Giovanni Joan Oliva e Ignazio Chessa da Alghero; Valerio Janus Camera, Barbara Lanzafame e Lollo Manca da Cagliari; Bourama Diarra da Tempio; Alessandro Doro, Helel Fiori e Paolo Zara da Sassari; Roberto Demontis da Bancali; Andrea Doro da Sorso, Antonella Minzoni da Siniscola; Sandro Mattei da Nuoro; Roberto Nieddu da Burgos.

Tutti forti di consolidate esperienze sul campo, proveranno a conquistare il Bronzetto d’Oro, il titolo di campione regionale sardo (o la campionessa visto che le prime due edizioni sono state vinte da Lalla Careddu e Luana Farina, mentre le ultime tre hanno visto affermarsi i campioni Ignazio Chessa, Alessandro Doro e Mauro Piredda), che avrà l’onore di rappresentare l’isola alle Finali Italiane del 12, 13 e 14 settembre di Ragusa, e per le successive finali europee e mondiali.

A Sergio Garau, presidente della LIPS e specialista che con lo slam ha girato in mezza Europa e oltre, il compito di animare la competizione letteraria come M.C. (master of ceremony – maestro di cerimonia), con l’apporto del vicepresidente LIPS Giovanni Salis come notaio multipiattaforma di gara e della Jam Ensamble per animare a ritmo di musica l’evento fra una performance e l’altra.

A impreziosire la finalissima, sarà la presenza di due ospiti speciali di valore italiano e internazionale, quali la poetessa e attrice Marthia Carrozzo e la campionessa viennese di poetry slam Katharina Wenty.

Le precedenti finali regionali svoltesi a Sassari (al True Colors nel 2014 e nel 2016 e al The HoR nel 2017), a Ozieri (al Teatro Civico nel 2015) e a Gavoi (all’Hotel Sa Valasa nel 2018) hanno richiamato centinaia di spettatori e conquistato ampia risonanza mediatica.

Queste le regole della sfida: tre minuti a testa per ogni concorrente, testi scritti di proprio pugno in qualunque lingua, durante la performance non sono ammessi oggetti scenici o accompagnamenti musicali, ed è consigliabile portare tre testi (o gruppi di testi) che non superino i tre minuti l’uno. Una giuria popolare scelta a caso fra il pubblico presente decreterà il vincitore.

La grafica e il logo sono a cura di Angelo Saccu.

Per info:

cel 340.1846468 – web http://www.lipslam.it/ – https://www.facebook.com/poetryslamsardegna/

Evento facebook:

https://www.facebook.com/events/191356671665274/

Bio Marthia Carrozzo:

Residente a Firenze, ma d’origini Salentine, Marthia Carrozzo è poetessa e attrice. L`incontro con il teatro diviene in lei input per una ricerca poetica personale incentrata sulla parola, sul ritmo, sulla necessità di dare corpo e respiro al verso da ripensare nella voce. Tra le sue pubblicazioni: “Utero di Luna”, del 2007, con prefazione di Alda Merini; Poi “Pelle alla Pelle, dimore di mare e solo sensi” e “Di bellezza non si pecca eppure – Trilogia di Idrusa”, con prefazione di Lello Voce. Partecipa a Poetry Slam, Festival e Rassegne di poesia nazionali e Internazionali ed è autrice anche di testi per il teatro e per la musica. Per Poesia Carnosa H edition, una partitura tratta dal suo ultimo lavoro, “Piccolissimo compianto all`incompiuto. Su Achille, se non avesse dovuto portarne il nome”.

Bio Katharina Wenty:

Nata a Vienna nel 1995, Katharina Wenty scopre a 8 anni la passione per la scrittura e, 8 anni più tardi, per la cinematografia. Dal 2016 il suo racconto si distingue per i palchi e le scene dello slam riprendendo e riproducendo mondi contraddittori in versi immaginifici e avvolgenti. Nel 2018 le si riconosce il titolo di campione viennese, oltre alla finale dei campionati europei di Budapest, dove sfiora il podio. Ospite d’onore alla finale di Berlino 2019, oltre a numerosi poetry slam tra Austria e Germania, vince nel 2012 i Videoundfilmtagen, nel 2015 il Media Literacy Award, nel 2013 e nel 2016 Zeit:imPuls Kurzfilmaward.

Bio Sergio Garau

Classe 1982, dal 2001 partecipa a poetry slam, festival di poesia e videopoesia, residenze artistiche e tour in una ventina di paesi. Ha vinto diversi premi internazionali. Dal 2010 scrive ed esegue lo spettacolo collettivo IO game over con musicisti, videoartisti e programmatori. Anima laboratori di poesia in Italia e all’estero. È  redattore, organizzatore, conduttore, sparajurij. Pubblicato in DVD, CD, antologie, riviste, su carta e in rete. Più info: sergiogarau.xyz.

POETRY SLAM:

Il poetry slam ha regole molto semplici, ogni partecipante deve portare due testi scritti di proprio pugno (uno per il girone, uno per l’eventuale finale), ed interpretarle dal vivo senza musiche, oggetti scenici, travestimenti, ma solo tutto ciò che può essere fatto con la voce e con il corpo è concesso, tranne cantare, se non per un poco – non ci sono vincoli di lingua, tema, forma, sesso, età, taglio di capelli – il pubblico tutto decide chi vince, sotto la direzione dell’EmCee (Master of Ceremony come dicono in America mutuando il termine dallo slang Hip Hop), che presenta e anima la sfida letteraria. Ma lo slam è poi, in verità, molto di più, ed è in questo ‘di più’ che sta la ragione del suo dilagante successo in America, Canada, Inghilterra, Germania e ora anche in Italia e in Sardegna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *