IL CINEMA SARDO A TORINO (2 GIUGNO) ALLA XXII EDIZIONE DEL FESTIVAL CINEMAMBIENTE: IN CONCORSO LA “BALLATA IN MINORE” DI GIUSEPPE CASU

di ENZO CUGUSI

Nuovo appuntamento con il cinema proposto dall’Associazione Sardi Gramsci di Torino:

domenica2 giugno alle 22.00 proiezione del film di Giuseppe Casu“Ballata in Minore” Cinema Massimo via Verdi 18.

Il Festival CinemAmbiente nasce a Torino nel 1998 con l’obiettivo di presentare i migliori film e documentari ambientali a livello internazionale e contribuire, con attività che si sviluppano nel corso di tutto l’anno, alla promozione del cinema e della cultura ambientale.

Negli anni il Festival è costantemente cresciuto, confermandosi come uno dei più importanti appuntamenti cinematografici ambientali del panorama internazionale
 L’Associazione Sardi Gramsci, da anni, promuove le opere degli autori sardi presenti al festival, quest’anno – su invitodella Fondazione Sardegna Film Commission -è la volta di Giuseppe Casu.

Sinossi

“”Il desiderio da parte del regista di tornare nella terra di origine, la Sardegna, la necessità di approfondire le ragioni di un non meglio definibile “senso di appartenenza”, prende la forma di un diario intimo errante alla ricerca delle diverse forme di resistenza della gente dell’isola. Al seguito di una carovana di artisti di strada, tra spettacoli e musica, discese all’interno della montagna e nella spiritualità locale, si susseguono gli incontri che raccontano di sfruttamento del territorio e di ritmi di vita non condivisi. Un dipanarsi di storie che via via si espande, svelando anche i destini dei viandanti, come quello di Rasid, marionettista rom bosniaco, fuggito dalla Jugoslavia in guerra, o di Carlos, cileno sbarcato in Italia tanti anni fa per sfuggire alla dittatura di Pinochet.””

L’autore

Giuseppe Casu (Cagliari, 1968) si è laureato in fisica nel ’93, ha poi seguito la scuola di regia e montaggio Anna Magnani a Prato, lo stage di regia Arscipro a Parigi e si è diplomato in montaggio all’Istituto Rossellini di Roma. Ha realizzatodiversi documentari, tra cui Arcobaleno (2002), Senza Ferro (2010), L’amore e la follia (2012).

Ingresso libero sino ad esaurimento posti, i biglietti si possono ritirare un’ora prima della proiezione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *