AL “FESTIVAL CORTO DORICO” DI ANCONA, PREMI PER “FUTURO PROSSIMO” DI SALVATORE MEREU

di BRUNO CULEDDU

“FUTURO PROSSIMO” di Salvatore Mereu, già Premio Speciale della Giuria a Visioni Sarde 2018, continua a mietere successi. Gli ultimi sono stati raccolti nell’ambito dell’autorevole Festival Corto Dorico XV di Ancona, dove il regista dorgalese si è aggiudicato il Premio Stamira per il Miglior Cortometraggio (ex-aequo con “INANIMATE” diLucia Bulgheroni) e il Premio Nie Wiemper il Miglior cortometraggio d’impegno sociale.

Il film, che ripercorre in puro stile neorealista la giornata di due immigrati che girovagano per Cagliari alla ricerca di un lavoro e di una sistemazione, vince quindi anche ad Ancona.


Il Festival Corto Dorico è stato organizzato dall’Associazione Nie Wiem e dal Comune di Ancona in partnership con la Fondazione Marche Cultura, il contributo del Mibact Direzione Generale per il Cinema, Regione Marche e l’Università Politecnica delle Marche. 
Anche quest’anno la kermesse, co-diretta da Daniele Ciprì e Roberto Nisi,si è contraddistinta per un nutrito numero di anteprime, novità,installazioni e rassegne volute per raccontare al meglio l’universo italiano del cortometraggio e i suoi autori.

Il Premio Stamira, dedicato alla donna anconetana che nel 1173 sacrificò lapropria vita per salvare l’indipendenza di Ancona dall’imperatore Barbarossa, è stato conferito a“FUTURO PROSSIMO” da una giuria composta da Matteo Rovere (presidente di giuria), Matteo Cocco e Jasmine Trinca con questa motivazione: “Il regista costruisce un racconto asciutto ma profondo, con uno stile mai retorico, lineare ma formalmente ineccepibile. Gli attori riescono ad esprimere una verità che sembra priva di sovrastrutture, facendo perdere lo spettatore nel flusso delle emozioni di una storia così piccola ma che diventa universale.” 

“FUTURO PROSSIMO” ha conseguito anche il Premio Nie Wiem per il Miglior Cortometraggio d’impegno sociale con la seguente motivazione che vale la pena di riportare integralmente: In un’annata particolarmente ricca di film a tematica sociale accomunati da un interesse, mai così esclusivo, per il tema delle grandi migrazioni, il Premio NieWiem per l’impegno sociale 2018 va a un corto che si distingue per la sua capacità di cogliere l’essenza del problema con una naturalezza e un realismo al limite del documentarismo. Un piccolo film che applica la tecnica,prettamente neorealistica, del “pedinamento” zavattiniano, rinnovandola con un geniale passaggio di testimone da un personaggio all’altro per mostrare i paradossi e le contraddizioni di un mondo, sempre più unito e interconnesso, in cui ciò che rappresenta una piccola scocciatura lavorativa per qualcuno alla luce del sole, può essere, nel buio della notte, questione di vita o di morte per qualcun altro.”

I premi Stamira e Nie Wiem si aggiungono adesso al palmarès di “FUTURO PROSSIMO” che vanta:

il Premio Banca del Valdarno alla migliore opera che evidenzi i valori della cooperazione e della solidarietà conseguito al Valdarno Cinema Film Festival 36. San Giovanni Valdarno;

la Menzione Specialeconseguita al Procida Film Festival VI. Procida;

– il premio Fotogramma di Bronzo conseguito al Fotogramma d’Oro 50. Messina;

– la Selezione Speciale perla particolare attenzione ai temi della società  meritata ai Corti D’Argento  2018. Roma;

– la Selezione per La sezione Orizzonti di VENEZIA A ZAGABRIA V. Zagabria;

– la Selezione nel Festival Terra di Confine Film Festival XI – La cinematografia sarda incontra quellacolombiana. Solarussa, Sassari e Asuni;

il Premio Speciale della Giuria  di Visioni Sarde 2018.Bologna;

– la Selezione per 11 film italiani della 74. Mostra di Venezia. Da Mosca a Venezia IX. Mosca;

– il Premio Diritto di Parola al Babel Film Festival V. Cagliari;

 la Selezione fuori concorso a VENEZIA 74. Venezia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *