LA RIPRESA NON C’E’: FATTURATI IN AFFANNO, PER LE IMPRESE SARDE E’ ANCORA CRISI

Fa fatica la Sardegna a uscire dalla crisi economica. Il fatturato delle piccole e medie imprese sarde, infatti, è ancora sotto il livello del 2007, l’anno in cui è scoppiata la Grande crisi. Basta questo dato a fotografare la situazione economica dell’isola: disoccupazione ancora alta e imprese che faticano a recuperare il passo. È quanto rivela l’ultimo rapporto sulle “Pmi del Mezzogiorno” curato da Confindustria e Cerved. L’analisi offerta, basata sui dati dal 2007 al 2016, incrocia i settori di attività e le relative performance in termini di fatturato, valore aggiunto, produttività del lavoro e risultato di esercizio delle imprese delle otto regioni del Mezzogiorno. In sintesi, il rapporto di Confindustria-Cerved fa il punto sullo stato di salute delle imprese di capitali del Mezzogiorno, quelle comprese tra 10 e 250 addetti e con un fatturato che va dai 2 ai 50 milioni di euro. Restano fuori dall’analisi, invece, la maggior parte delle imprese che costituiscono il tessuto economico del Sud, vale a dire quelle di piccolissime dimensioni (da 0 a 9 dipendenti). E questo perché sono le imprese più grandi quelle più dinamiche in grado di trainare la crescita di un territorio.

Quel che emerge dal rapporto 2018 sulle Pmi è che in Sardegna le realtà produttive più dinamiche sono concentrate nel settore dell’agricoltura (4,1%), delle costruzioni (16,4%) e soprattutto in quello dei servizi (il 62,3%). In questi comparti il numero delle imprese è cresciuto, negli ultimi due anni, a ritmi costanti, anche se rimangono ancora lontani i valori del 2007. La ripresa della natalità, sottolinea il rapporto, è stata favorita dall’introduzione delle Srl semplificate, quelle con capitale versato ridotto (inferiore a 5mila euro). Ma le nuove nate fanno fatica a sopravvivere. Come è sottolineato nel rapporto «chi si affaccia oggi sul mercato fa più fatica di ieri ad affermarsi». In base ai bilanci del 2015 le medie imprese sarde sono in totale 2.154, il 14% del totale delle imprese, un dato in linea con le regioni del Sud più dinamiche come la Campania e la Puglia. Con l’aumento del peso delle imprese più grandi tra il 2014 e il 2015 è aumentato anche il numero degli addetti nelle imprese di medie dimensioni del Mezzogiorno, compresa la Sardegna (+12,8%). Per Confindustria si tratta di «un primo piccolo segnale di irrobustimento del tessuto di impresa in Sardegna», anche se ancora insufficiente a far ripartire l’occupazione

Mentre sono cresciute le imprese in agricoltura, nel settore delle costruzioni e in quello dei servizi, in Sardegna è praticamente sparita l’industria. Tra il 2015 e il 2017 il sistema industriale è stato azzoppato: è sparito il 25% circa delle aziende del settore, la performance peggiore di tutto il Mezzogiorno, insieme alla Sicilia.
Gli analisti di Confindustria e Cerved sono comunque fiduciosi e giudicano positive le prospettive per il 2018-19. «La ripresa degli investimenti – si legge nel rapporto – indica un miglioramento della percezione delle prospettive dell’economia del Mezzogiorno». Nel 2018 e nel 2019 fatturato e valore aggiunto delle imprese di capitali del Sud dovrebbero crescere a tassi non molto dissimili da quelli del resto del Paese anche se i margini si mantengono sempre più bassi della media nazionale». Ma cosa si può fare per aiutare la ripresa economica nel Mezzogiorno e in Sardegna in particolare? Secondo gli analisti è necessario rinfoltire le fila delle imprese di capitali piccole e soprattutto medie. «Negli ultimi anni non è mancata la voglia di fare impresa nei territori del Mezzogiorno – sottolineano gli analisti – le “vere” nuove società di capitali hanno raggiunto nel 2017 il loro massimo storico, e solo nello scorso anno 35mila nuove imprese, nella quasi totalità di piccolissime dimensioni, si sono aggiunte alle imprese più robuste rimaste sul mercato. Ciò che è mancato è stata semmai la capacità di accompagnare l’irrobustimento di tali nuove iniziative d’impresa, che nascono piccolissime e nella maggior parte dei casi rimangono tali. Anche perché è vero che nascono più imprese, ma è altrettanto vero che una parte altrettanto consistente non riesce a sopravvivere». Comunque oggi è il momento ideale per chi desideri diventare imprenditore. “Resto al Sud” è la nuova misura che sostiene la nascita delle imprese da parte di giovani meridionali con un incentivo fino a 200mila euro. L’auspicio è quello di trovare gli Steve Jobs del futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *