“A VOLTE NEVICA IN APRILE” IL LIBRO DI RUDY GIORGIO PANIZZI: LA PRESENTAZIONE PRESSO L’ASSOCIAZIONE CULTURALE “NOSU IMPARI” DI TORINO

di Bruna Murgia

A volte nevica in aprile è un lungo e appassionato racconto che si dispiega in un segmento di vita che inizia nel cuore di un fanciullo, si sviluppa e si alimenta nella mente di un ragazzo e diventa sentimento autentico condiviso, nel momento in cui l’autore decide di farne dono ai lettori.

Le persone che intervengono nel testo ruotano attorno a un unico protagonista principale: Prince.

Ogni singolo avvenimento narrato risulta inedito al lettore, perché vissuto personalmente nell’autenticità del momento e delle emozioni che lo hanno reso unico e indimenticabile.

Un racconto, che si alimenta di aneddoti singolari, strettamente legati a un dato momento della vita dello scrittore, in cui emergono elementi concreti per conoscere in modo più approfondito l’artista Prince.

La narrazione degli avvenimenti si dispiega con un ritmo costante animato da un entusiasmo che coinvolge il lettore; lo prende per mano e lo costringe a restare incollato alla storia sino all’ultima pagina.

L’autore dimostra una certa maestria nel raccontarsi e sceglie di farlo senza remore: non utilizza nessuna figura retorica, né similitudini che rimandino ad altri significati, il rapporto con il lettore appare sempre immediato, autentico senza mediazione.

Il libro di Rudy Giorgio Panizzi non è soltanto la narrazione di una storia personale – sarebbe un errore pensarlo –: in esso si delineano diverse figure che una a una contribuiscono a fare del contenuto un’esperienza da condividere.

La caparbietà dell’adolescenza e la freschezza della gioventù parlano al lettere e gli raccontano dell’inestimabile valore dell’autenticità dell’amicizia, dell’importanza del confronto, dello stare insieme, del metterci la faccia, nella scoperta e nella condivisione di quella che inizialmente appare come semplice curiosità per un genere musicale nuovo, tutto da scoprire. Un’esperienza che nella fattispecie si concretizza nella determinazione dimostrata dal protagonista nel perseguire e realizzare il sogno di conoscere – incontrare l’artista musicista uomo Prince.

Ogni desiderio legato alla figura di Prince diventa oggetto autentico interiorizzato, amato perseguito e condiviso per essere realizzato, come si fa con i sogni più importanti, che contribuiscono a fare di ognuno ciò che realmente è.

Agli elementi che inducono il lettore alla curiosità per un genere musicale, misconosciuto nell’Italia di quegli anni, se ne aggiungono altri in cui emergono: la capacità di ricercare per mettere insieme un tesoro prezioso che, al di là dell’oggetto in se’, resta scolpito nella memoria, in uno spazio in cui l’autore si dimostra capace di iscrivervi ogni altro elemento legato alla sua esistenza.

Il tema del viaggio, costante nel testo, dà al lettore la possibilità di vivere in quella dimensione emozionale l’autenticità delle azioni narrate, senza però confondersi mai con il protagonista: egli resta libero di coltivare un sogno da realizzare. Dall’inizio alla fine, al lettore è dato di leggere per vedere, sentire e conoscere dalle parole del narratore l’Artista di cui è possibile apprezzare l’umanità e le abilità professionali e manageriali.

Nell’opera è possibile scoprire numerosi elementi tecnici che rivelano un’autentica competenza dell’autore, il quale spazia dalla conoscenza della composizione musicale agli strumenti utilizzati, dai luoghi in cui nascono le opere al comportamento della Case Discografiche, che diventano motivo di approfondimento per il lettore già in possesso di conoscenze iniziali e di curiosità per il neofita.

A volte nevica in aprile è un libro da leggere da soli e in compagnia, sulle note dell’artista protagonista che nella realtà, come tutte le persone capaci di lasciare segni importanti nei diversi temi della storia, resta nel divenire dei giorni.

A volte nevica in aprile è l’opera prima di Rudy Giorgio Panizzi nato a Torino da madre sarda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *