LA DEMOCRAZIA PARITARIA NON E’ UNA SFIDA MA UN PATRIMONIO PER L’INTERA SOCIETA’ : LA “BATTAGLIA” DEL COORDINAMENTO 3 – DONNE DI SARDEGNA IN REGIONE

Segreteria Organizzativa

Carla Puligheddu, Simonetta Corongiu , Carla Medau, Rita Corda, Rita Mameli

Con il voto che ha approvato la norma sulla dpg il Consiglio Regionale della Sardegna ha posto un tassello nella costruzione di una  democrazia compiuta. Determinante per questo risultato è stata  l’UNITÀ DELLE DONNE SARDE, oltre ogni differenza, condizione e appartenenza, per il diritto, la partecipazione e la democrazia, in un lunga battaglia durata 14 anni.  L’introduzione della norma sulla doppia preferenza di genere nella legge elettorale rimuove un ostacolo al  principio di uguaglianza tra uomini e donne nell’accesso alla vita politica, così come da dettato costituzionale, e allo stesso tempo può consentire uno sguardo di rinnovamento nell’agenda politica e nella composizione della futura classe dirigente.

Siamo consapevoli che non esiste un correttivo nel sistema elettorale che dia “certezza” del risultato favorevole alle donne, anche se alle ultime amministrative, ove si è votato con la doppia preferenza, il numero delle elette è sicuramente cresciuto. La battaglia che il Coordinamento3 e i movimenti femminili per la democrazia paritaria è dunque solo al punto di partenza. Una maggiore presenza di donne in Consiglio regionale, infatti,  può essere la condizione per costruire un nuovo patto sociale che metta insieme le esigenze di entrambi i sessi in tutte le politiche e le azioni.

Intendiamo procedere affinché vengano rimossi i numerosi ostacoli sociali e culturali, che impediscono la piena e libera partecipazione delle donne alla vita pubblica, quali :gli stereotipi, un mercato del lavoro che ci respinge, i modelli di società, in particolare della famiglia, che continuano ad avere un peso enorme sulla condizione delle donne.

Reclamiamo un cambiamento culturale che deve riguardare i servizi, il diritto ad un lavoro dignitoso, adeguato alle competenze ed equo nel merito e nel reddito, per una partecipazione egualitaria tra donne e uomini a tutti i livelli delle strutture decisionali in campo economico, sociale e culturale. Il Coordinamento3 continuerà, inoltre, la battaglia a tutela dei diritti di cittadinanza attiva anche per modificare l’intera legge elettorale sarda, lesiva dei principi di rappresentanza dei territori e delle minoranze. Perché la democrazia paritaria non è una sfida che le donne lanciano, ma deve essere un patrimonio dell’intera società.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *