A LIVORNO L’11 NOVEMBRE PER RACCONTARE LA GUERRA: “LA DISFATTA E LA RISCOSSA” CON I CIRCOLI SARDI DELLA TOSCANA E LA PRO LOCO DI COSSOINE


evento segnalato da Antonio Deias

Verrà rappresentato a Livorno, il prossimo 11 novembre, lo spettacolo teatrale della Pro Loco di Cossoine, ideato per rendere omaggio al centenario 1917-2017 della Grande Guerra. L’iniziativa è realizzata con la collaborazione dell’Associazione Culturale Sarda “Quattro Mori” di Livorno, “Grazia Deledda” Pisa e La Spezia, l’Associazione Culturale Sardi in Italia di Firenze, la Federazione Associazioni Sarde in Italia e il rispettivo Coordinamento Giovani Fasi.

Il progetto verrà presentato, alle ore 10.30, nell’Aula Magna dell’Istituto Tecnico “Buontalenti, Cappellini, Orlando”, nell’ambito di una matinée scolastico, comunque aperto al pubblico. Nelle intenzioni degli organizzatori, la volontà di avvicinare i giovani al dramma della Prima Guerra Mondiale, perché possano comprendere il sacrificio dei fanti caduti per la Patria. Un messaggio che arriva dagli studenti per gli studenti, attraverso un linguaggio affabile e un approccio multimediale fatto di impressioni visive, accompagnamenti musicali, letture, canzoni.

“La Disfatta e la Riscossa” – il titolo che accompagna il progetto – ripercorrerà l’immaginaria esperienza del Milite Ignoto, a partire dalla partenza per i teatri di guerra e fino al suo insediamento nell’Altare della Patria a Roma. Un racconto si immaginario ma calato nelle reali ambientazioni storiche, impreziosito dalle vere esperienze al fronte e dallo scorrere dei fatti salienti della Grande Guerra. A rappresentarlo, con la Regia della Pro Loco di Cossoine, Francesco Bosincu, Fabiola Casule, Chiara Fadda, Maria Teresa Fais, Andrea Sardu, Edoardo Solinas; al pianoforte Egidio Campus ed Edoardo Solinas; alla voce solista Fabiola Casule.

Al termine della rappresentazione, gli studenti sardi saranno ospiti del Museo Mediterraneo di Storia Naturale, presso Villa Henderson, nell’ambito di un percorso culturale di arricchimento didattico, realizzato con la collaborazione di alcuni insegnanti del luogo. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *