VITTORIA DI SQUADRA: CON AUTORITA’ SASSARI SI IMPONE SU REGGIO EMILIA PER 77 A 67

ph: Spissu

Una squadra disposta a lottare e sacrificarsi. Una vittoria conquistata grazie all’aiuto da parte di tutto il gruppo: la Dinamo Banco di Sardegna si impone su Reggio Emilia nella 3° giornata di campionato nelle mura amiche del PalaSerradimigni. Due punti conquistati grazie a una prova corale di grande intensità, con quattro uomini in doppia cifra e la giusta energia nei momenti cruciali del match. Dopo un primo tempo in equilibrio, chiuso 37-34 in favore dei padroni di casa, nel secondo tempo è una Dinamo affamata e concreta a siglare il massimo vantaggio di +16. Agli emiliani non basta un super Julian Wright (19 punti). Tra le file sassaresi ottima prestazione di Shawn Jones, a referto con 15 punti, 7/9 da due, 8 rimbalzi e 3 stoppate per un totale 18 di valutazione, rebus della difesa emiliana nell’ultimo quarto. 11 punti a testa per Achille Polonara, ex del match, e Rok Stipcevic: l’ala marchigiana ha aggiunto al suo score anche 6 rimbalzi mentre per il play croato ha condito la prestazione con 3 rimbalzi e un assist. Doppia cifra per un concreto Scott Bamforth: per lui 10 punti a referto e 5 assist; bene a rimbalzo Darko Planinic (8 rb, 6 pt), e Levi Randoplph (7 pt, 5 rb). Importante apporto in termini di energia di Marco Spissu, a segno con 5 punti, 5 rimbalzi e 4 assist: sua la bomba del +5 nel secondo quarto che ha fatto esplodere il PalaSerradimigni.

Coach Pasquini manda in campo Spissu, Bamforth, Randolph, Jones e Polonara, coach Menetti risponde con Mussini, Della Valle, Reynolds, Markoishvili e Sanè. Il match si apre con il botta e risposta dall’arco tra Markoishvili e Bamforth. Gli ospiti costruiscono il vantaggio con Della Valle e Reynolds. 5 punti di Randolph sbloccano i sassaresi che si riportano a -1 con Stipcevic in lunetta a monetizzare il tecnico sanzionato a Reynolds. 6-0 biancorosso, il capitan Devecchi accorcia, al 10’ è 14-19. Nel secondo quarto i giganti entrano in campo con la voglia di riscattarsi: break di 6-0 con il capitano Devecchi a suonare la carica, seguito da Stipcevic e Planinic. Timeout Reggio: Nevels interrompe il parziale sassarese ma Spissu e Bamforth mettono altri punti in cassaforte. Nevels prova a condurre i suoi, la bomba di Spissu fa esplodere il PalaSerradimigni. Canestro and one di Pierre. Sorpasso e controsorpasso tra Sassari e Reggio, Wright sigla il +1 ma la reazione sassarese porta la firma di Stipcevic e Jones. Si va negli spogliatoi sul punteggio di 37-34. Al rientro dall’intervallo lungo la Grissin Bon prova a fare la voce grossa con Julian Wright: due bombe di Polonara accendono il Banco e aprono un parziale biancoblu di 12 punti. L’ala marchigiana infila l’alleyoop servito da Bamforth per il +10. Wright accorcia mettendosi in proprio con 4 punti di fila, i giganti ricacciano indietro il tentativo della Reggiana di riportarsi in partita con un break di 11-2. Pierre scrive il massimo vantaggio +16. Reynolds e Della Valle accorciano il gap (65-51). Reggio Emilia tenta la rimonta condotta da un super Wright, ma Randolph e Polonara permettono alla Dinamo di restare in controllo. Una difesa accorta permette agli uomini di Pasquini di limitare l’offensiva biancorossa. Quando restano 90’’ sul cronometro il tabellone dice 76-65 per i giganti. Jones chiude il match dalla lunetta: il Banco di Sardegna trova la vittoria nel lunch match ed energie in vista del prossimo impegno di Coppa contro Oldenburg, in programma mercoledi. Finisce 77-67.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *