IL FESTIVAL CIAK JUNIOR DI JESOLO: RICONOSCIMENTI AGLI ALUNNI DELLA SCUOLA MEDIA MANNAI DI SANT’ANTIOCO


di Tito Siddi

La città di Sant’Antioco sarà in mostra il prossimo 25 giugno sugli schermi di Canale 5. Andrà infatti in onda alle 11.10 la trasmissione dedicata alla partecipazione degli alunni della seconda A della scuola media Mannai al festival cinematografico per le scuole chiamato Ciak Junior che si è svolto la scorsa settimana ad Iesolo. Gli undici alunni di 13-14 anni della seconda A della scuola media numero due cittadina, insieme alla docente Barbara Sitzia e Maruska Vespasiani, rappresentante di classe e dei genitori, sono partiti giovedì scorso da Sant’Antioco con una valigia piena di speranze. Destinazione Jesolo per la partecipazione al festival del cinema per le scuole chiamato Ciak junior che ogni anno premia il miglior corto, sceneggiato e interpretato dagli alunni di scuole nazionali ed internazionali, il cui soggetto è stato scelto tra oltre cinquemila scuole concorrenti. In concorso la loro fatica dal titolo “ Mio nonno, uno degli ultimi maestri d’ascia” con la regia di Sergio Manfio e la direzione artistica di Francesco Manfio. Un film che sa di “giallo” a un lieto fine. La partecipazione al concorso li ha impegnati prima sui banchi di scuola a scrivere la scenografia e poi sul set delle telecamere di Mediaset per una interpretazioen che poi tutta l’Italia vedrà dagli schermi di canale 5. I magnifici undici della seconda A della scuola media Mannai non hanno tradito le spettative. Sono rientrati a Sant’Antioco con una valigia piena di premi. Il loro film non ha vinto il festival ma in compenso per loro ha riservato ben tre riconoscimenti. Due oscar: uno per il miglior attore protagonista andato a Francesco Mallus e uno per tutto il cast composto dagli alunni, docente e alcuni protagonisti esterni. <E’ stata una bella esperienza ed una opportunità inaspettata. – dice Alessandro Mallus- non ci saremo mai aspettati di diventare interpreti di un film e di apparire in televisione>. Ma il miglior premio di cui vanno fieri, che premia in particolar modo la città di Sant’Antioco per la sua storia e il lavoro dei suoi abianti, è il premio istituzionale la “Medeglia Presidente della Repubblica Sergio Mattarella”. La motivazione recita: “La medaglia viene consegnata agli studenti di Sant’Antioco per la loro capacità di aver colto l’indispensabile lavoro, nella nostra società, degli artigiani che con le loro botteghe sono in grado di trasmettere giorno dopo giorno, un messaggio culturale. Oggi è nostro compito valorizzare e difendere questo patrimonio che vede le botteghe artigiane spesso diventare fucina di arte e innovazione della nostra nazione. I ragazzi di Sant’Antioco lo fanno con garbo, sensibilità, e intelligenza utilizzando i nuovi media a tutela dell’antico”. Alla consegna del premio soddisfazione a lacrime di gioia ha colto tutti. <Aver vinto questo premio come migliori attori è stata un’esperienza magnifica e indimenticabile- dice Alessandro Garau- che ci reso felici e che non dimenticheremo mai> Più che soddisfatta la professoressa che ha seguito gli alunni in questa esperienza. <Una grande gioia vedere i ragazzi realizzare il sogno di fare l’attore- confida Barbara Sitzia- ma in particolare avere raccontato e fatto conoscere un mestiere in via di estinzione come il maestro d’ascia che è un sapere da non disperdere per la sua valenza storica, artistica e occupazionale>. Dopo una visita a Venezia la compagnia farà rientro a casa in attesa, insieme a tutti i concittadini e tutta la Sardegna di cui sono stati portavoce, di seguire su Canale 5 il 25 giugno il loro film e il 2 luglio lo speciale delle due giornate del festival dove i ragazzi di Sant’Antioco sono stati protagonisti. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *