AL CINEMA DAL 23 MARZO IL FILM “MODA MIA” DI MARCO POLLINI CON PROTAGONISTA LA SARDEGNA


di Bruno Culeddu

Moda mia” di  Marco Pollini sarà al cinema dal 23 marzo. Nonostante il regista sia veronese il film si può considerare a pieno titolo sardo per la storia, l’ambiente, gli interpreti, le maestranze e la produzione.

 

L’opera è ispirata alla vita di Federico Careddu, giovane sedicenne di Arzachena con la moda nel sangue, che ha scelto Sassari e la Scuola di moda Pellegrini per iniziare la sua carriera da creativo. È suo l’abito indossato dalla fotomodella che anima i sogni del coetaneo Giovannino, protagonista del film.

Moda mia” racconta infatti la forza dei sogni, la  perseveranza delle passioni e la formazione di un ragazzo che nel cuore della Sardegna sogna la moda. Fa da sfondo lo splendido scenario e l’abbagliante bellezza dei paesaggi tra Palau e Arzachena.

Nel cast troviamo, oltre al giovanissimo Francesco Desogus nel ruolo del protagonista, i volti popolari dell’apprezzato attore Giampaolo Loddo, del giornalista Cesare Corda e della showgirl Melissa Satta, la fotomodella che appare nei sogni del protagonista.

Altre parti sono state assegnate a Davide Garau, Valentina Sulas e Margherita Margarita.

La storia, scritta e sceneggiata dallo stesso regista, si avvale della fotografia di Alessandro Zonin e del  montaggio di Giorgia Scalia.

Il film è stato prodotto e sarà distribuito da Ahora! Film.

La produzione ha goduto, peraltro, del supporto logistico organizzativo della Fondazione Sardegna Film Commission e del sostegno di imprese autoctone come la “Famiglia Orro”, azienda multifunzionale e fattoria didattica fortemente legata al territorio.

 

Protagonista è il 16enne Giovannino, delicato e sensibile giovane, figlio di un pastore e di una madre, che fragile ed esausta dei continui tradimenti del marito, decide di abbandonare la famiglia. Giovannino alle prese con il suo sogno di divenire un giorno stilista di moda frequenta un istituto tecnico artistico. È però continuamente osteggiato dall’ ambiente ostile e dal disprezzo di Antonio,  un padre-padrone, interpretato da Pino Ammendola, che non è in grado di riconoscere ed apprezzare il talento del figlio. E’ giugno e la scuola sta finendo. Giovannino deve occuparsi della casa e della sorellina di 8 anni Stella (Mariandrea Cesari). Suo padre lo costringe a seguire le pecore e il terreno, trattandolo con disprezzo. Giovannino comunque, durante una sfilata amatoriale, vince un premio con vestiti realizzati con stoffe di scarto e si convince di avere le qualità  per realizzare il suo sogno e iniziare una nuova vita a Milano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *