HAI AVUTO UN FIGLIO, MAMOIADA, CONFINATO NEL BORDO DEL MISTERO, NESSUNO CONOSCE IL SUO DESTINO: DEDICATA A PEPPINO CANNEDDU

ph: scorcio di Mamoiada

di Antonio Maria Masia

Has’hapid’unu fizu, Mamoiada… (anno 2005, moda, con versi rimati e incrociati –retrogados, dedicata a Peppino Canneddu.

Has hapid’unu fizu, Mamoiada,

 intregad’in s’oru ‘e su misteriu,

 niunu connoschet su destinu sou.

Dagh’una criadura ‘enit a nou

 tres regulas de natura hat in sorte:

 sa naschida, sa vida ei sa morte,

 dagh’a nou ‘enit una criadura

 hat in sorte tres regulas de natura,

 pro non faddire s’umanu caminu.

Has hapid’unu fizu, Mamoiada,

 intregad’in s’oru ‘e su misteriu,

 niunu connoschet su sou destinu.

Giuanne nos lassat in coro pidinu

 ca, chena morte, che passat lezeru,

 e gai sas dudas imannan deabberu,

 pidinu in coro Giuanne nos lassat

 ca lezzeru, chena morte, che passat,

 buffonende sas leges de ognunu.

Has hapid’unu fizu, Mamoiada,

 intregad’in s’oru ‘e su misteriu,

 su destinu sou connoschet niunu.

In bidda tottu aisettende sunu

 s’istinchidda a su nodu trobojadu,

 pro ischire sa sorte ite l’hat dadu,

 tottu aisettende sun’ in bidda

 a su nodu trobojadu s’istinchidda.

 Chi peset fogu e ispantu seriu!

Has hapid’unu fizu, Mamoiada,

 niunu connoschet su destinu sou,

 intregad’in s’oru ‘e su misterìu.

Naran chi fut de leones unu riu,

 argentinu l’acclaman Presidente,

 mere mannu de logos e de zente,

 chi fut unu riu ‘e leones, narana,

 argentinu Presidente l’acclamana.

 Chena nudda partidu e chena loru!

Has hapid’unu fizu, Mamoiada,

 niunu connoschet su destinu sou,

 de su misteriu intregad’in s’oru.

Sa mama, in nieddu muccaloru

 fin’a sa morte, piseddu, l’hat piantu,

 preghend’ Antoni*, protettore Santu,

 sa mama, in muccaloru nieddu

 fin’a sa morte l’hat piantu, piseddu.

 Sende chi fudi potente e cuadu!

Has hapid’unu fizu, Mamoiada,

 niunu connoschet su destinu sou,

 in s’oru ‘e su misteriu intregadu.

E cando minore, a Peppinu°, hana nadu

 chi su Fiore fut creschid’a consolu,

 sa vida che l’han post’in oriolu,

 e cand’a Peppinu,l’han nadu, minore,

 chi fut creschid’a consolu su Fiore,

 a Giuanne l’hat luego dedicada.

Niunu connoschet su destinu sou,

 intregad’in s’oru ‘e su misteriu,

 has hapid’unu fizu, Mamoida.

Chi non podiat fagher sa torrada

 proit’a nou, haiat giurad’amore,

 ch’iscuru l’est costadu, e dolore,

 chi fagher sa torrada non podiat

 proit’a nou, giurad’amor’ haiat,

 cando “Juan” nd’est bessid’a pizu.

Niunu connoschet su destinu sou,

 intregad’in s’oru ‘ e su misteriu,

 Mamoida, has hapid’unu fizu.

Già l’isco ch’has mannu su disizu,

 de nde ‘ogar’a s’affannu su velu,

 bi penset tando Anton’in su chelu, *

 già l’isco chi has disizu mannu,

 de nde ‘ogare su vel’a s’affanu.

 Bisu e contu, pro deris, pro crasa!

Niunu connoschet su destinu sou,

 intregad’in s’oru ‘e su misteriu,

 unu fizu Mamoiada hapid’ hasa.

E cun Issu ispera e lughe dasa

 a sos chena lumera e fortuna

 pro ch’issos puru disizen sa luna,

 cun Issu lughe dasa e ispera

 a sos chena fortuna e lumera

 pro mores de cust’istoria fadada,

has hapid’unu fizu Mamoiada.

*Sant’Antoni ‘e su o’u (Sant’ Antonio del fuoco, abate: patrono di Mamoiada)

 °Peppino Canneddu

 Antonio Maria Masia (in occasione evento al Gremio “Piras/Peron”)

Traduzione letterale in italiano (a cura dell’autore):

Hai avuto un figlio, Mamoiada, confinato nel bordo del mistero, nessuno conosce il suo destino.

 Quando un creatura nasce, per natura ha tre regole in sorte: la nascita, la vita e la morte, quando nasce una creatura, ha in sorte tre regole per natura, per non errare nel suo percorso umano.

 Giovanni, ci lascia nel cuore un tormento, perché senza morire scompare leggero, e così i dubbi crescono davvero, il tormento nel cuore, Giovanni, ci lascia, perché leggero, senza morire, scompare, come beffeggiando le regole di tutti.

 Nel paese tutti aspettano, la scintilla per dipanare un nodo intrecciato, per conoscere cosa la sorte gli abbia riservato, tutti aspettano in paese, per dipanare un nodo intrecciato, la scintilla, che sollevi veramente fuoco e meraviglia.

 Raccontano che (Juan) era un fiume di leoni, gli Argentini lo acclamano presidente, grande Signore di luoghi e di genti, che era un fiume di leoni, raccontano, presidente lo acclamano gli Argentini, senza niente partito (Giovanni), e senza un progetto.

 La madre, con un fazzoletto nero sul volto, fino alla morte, per il suo ragazzo (Giovanni), ha pianto, invocando Antonio del fuoco, il protettore Santo, la madre sul volto il fazzoletto nero, fino alla sua morte ha pianto il suo ragazzo…e lui (Juan) era invece potente e nascosto.

 E quando, da ragazzino, a Peppino dissero che il Fiore (Giovanni) era cresciuto con impeto, la sua vita…un pensiero fisso, un tarlo, e quando a Peppino dissero, da ragazzino, ch’era cresciuto con impeto il Fiore, la sua vita gli ha subito dedicato.

 Il Fiore non poteva più fare ritorno, avendo giurato a un nuovo amore, che gli è costato nascondimento e dolore, fare ritorno più non poteva il Fiore, a un nuovo amore aveva giurato, quando Juan è balzato fuori…alla vita.

 Lo so che hai (Peppino) grande un desiderio, di togliere al dubbio il velo che lo ricopre, ci pensi, allora, Sant’Antonio del fuoco nel cielo, lo so che hai un desiderio grande, di levare il velo che ricopre il dubbio. Dubbio che è sogno e racconto per ieri e per domani.

 E con Lui (Giovanni-Juan) speranza e futuro dai, a coloro che sono senza luce e fortuna, perché anche loro desiderino la luna, con Lui dai luce e speranza, a chi è senza fortuna e futuro…grazie a questa storia magica.

 Hai avuto un figlio, Mamoiada.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *