PREMI, TOURNEE, MUSICA E TEATRO: PARTE LA CAMPAGNA SOCI 2017 DI BRINCAMUS, L’ASSOCIAZIONE CHE “FA SALTARE IL MARE” AGLI ARTISTI SARDI


di Sara Carboni

Partita la campagna soci 2017 di Brincamus, l’associazione nata per far “saltare il mare” agli artisti sardi. Fra le tante soddisfazioni raccolte nel 2016 tra i soci Brincamus la Targa Tenco a Claudia Crabuzza e gli Apollo Beat al Taormina Film Fest, e le finali a Musicultura per Flavio Secchi e al Premio Bertoli per i GolaSeca.

Un 2016 ricco di soddisfazioni per l’Associazione Brincamus, che nel corso di quest’anno ha sostenuto 63 progetti artistici e ha visto aderire oltre 100 nuovi soci, arrivando a un organico di oltre 150 soci.

A farla da padrone in casa Brincamus è la musica, che spazia nei generi più svariati: dalla world music, alla canzone d’autore, alla musica elettronica e ambient, al rap, al raggae e al dub, al rock, al pop, al folk, al jazz.

Gli artisti Brincamus non sono solo musicisti, ma anche attori, come Elisa Pistis – in tournée in tutti i teatri d’Italia con Lella Costa e Marco Baliani con Progetto Human – o Nicola Cancedda, cabarettista musico-demenziale che proprio lo scorso 10 dicembre è stato ospite dell’Associazione Ichnusa di Bra, Maurizio Giordo o Andrea Congia, fucine inesauribili di nuove idee.

Sul portale www.brincamus.it sono state 25 le interviste finora realizzate ai soci, fra le quali a nomi noti al grande pubblico come Piero Marras, Beppe Dettori, Maria Luisa Congiu, Tazenda, ma anche a esponenti della musica tradizionale come i Tenore Sos Emigrantes, i Tenore Osana Orosei e il Coro Anninora, e artisti più giovani ma sicuramente promettenti come i Mac and The Bee, Perry Frank, Faces of Alex, Kabaddu.

Il portale di Brincamus ha ospitato anche decine di news e live report dedicati agli artisti dell’associazione per segnalare la vincita di un premio, l’uscita di un disco o raccontare com’è andato un evento.

La comunicazione non si è fermata al sito ma ha spaziato su tutti i social su cui Brincamus è presente. In primis Facebook – che conta quasi 7000 fan – attraverso post quotidiani con articoli, foto, video, rassegna stampa, dirette live. Ma anche Instagram, Twitter, Youtube con la proposta del video della settimana,Telegram.

Centinaia gli eventi promossi, con il boom nel corso dell’estate per spettacoli soprattutto in Sardegna: il record va forse al One Man Band Alberto Sanna che nella stagione più calda ha praticamente tenuto un concerto al giorno. Grandi numeri anche per l’autunno con molte date dei nostri artisti anche nel resto d’Italia e per qualcuno anche all’estero, come i neonati Brinca che in Germania e Danimarca hanno realizzato video virali da migliaia di visualizzazioni.

Eventi organizzati da Brincamus e con Brincamus

Nel corso del 2016 sono stati numerosi gli eventi e le tournée che hanno visto Brincamus fra gli organizzatori o fra i partner.

Durante l’estate la tournée nei principali festival raggae d’Europa con i The Misty Morning: al Seasplash (Pula – Croazia), al Positive River Festival (Campegine – RE), al Rototom Sunsplash (Benicassim – Spagna), all’OverJam (Tolmin – Slovenia), al Campovolo Reggae – Festa Reggio in apertura ad Alborosie (Reggio Emilia – RE).

A settembre 2016 alla Festa dell’Unità di Bologna la seconda edizione di Green Space Music, in collaborazione con Circolo Sardo di Bologna e il sostegno della Regione Sardegna, con l’esibizione di 7 artisti Brincamus: Arau, Flavio Secchi, Arrogalla, Steppa Lion e King Kietu e i Brinca con Paride Peddio e Jonathan Della Marianna.

A ottobre a Sassari la partnership con il Piccolo Festival del Cantautore, organizzato dall’associazione culturale Archè con Luca Usai (l’artista Chi sono io?).

Sempre a ottobre ma a Cagliari l’evento con Don-Fe The Magikal Flute, organizzato da Steppa Lion e King Kietu, fra gli artisti che si sono anche esibiti.

Fra le varie tournée organizzate in collaborazione con Brincamus fra le più significative quella dei King Howl fra gennaio e maggio in Italia ed Europa (Austria, Germania, Repubblica Ceca, Svizzera, Ungheria), e dei Lazybones Flame Kids in primavera a Bologna, Roma, Fano, Carpi.

In collaborazione con i Circoli Sardi Brincamus ha contributo, fra gli altri, agli spettacoli di Tazenda, Claudia Aru, Alverio Cau.

Premi

Nel 2016 sono tanti e prestigiosi i premi vinti dagli artisti Brincamus. Elenchiamo i principali.

Flavio Secchi finalista a Musicultura 2016, dove ha vinto il premio “Un Certain Regard” alle semifinali, grazie al suo brano “La cosa più bella”, del quale la Universal Music Italia ha appena acquistato i diritti di distribuzione. Flavio Secchi è stato anche inserito nella nuova edizione dell’Enciclopedia dei Poeti Contemporanei.

Gli Apollo Beat hanno vinto al 62° Taormina Film Fest il premio come migliore web serie per la puntata pilota di “Apollo Beat – La serie”, di cui hanno scritto le musiche originali e di cui sono coautori, oltre che attori.

Silvia Eremita ha vinto in primavera le selezioni regionali al Best Arezzo Wave band Sardegna, potendo quindi esibirsi all’Arezzo Wave in luglio.

Claudia Crabuzza, con il suo disco d’esordio “Com un soldat” in catalano di Alghero, ha vinto la Targa Tenco 2016 lo scorso ottobre a Sanremo come miglior album in dialetto, pari merito con James Senese. Sempre in ottobre a Cagliari ha ricevuto una menzione speciale per il testo del brano ‘“L’altra Frida” al Premio Andrea Parodi di world music.

Finalista al Premio Parodi anche Manuela Mameli con “Sa Stella”.

Il 19 novembre 2016 al Suns Ladinia – Festival della Canzone in Lingua Minoritaria 2016 a Moena (TN) la giuria ha assegnato una menzione al brano “Is” di Arrogalla “per il suono potente e alternativo, che fonde le espressioni tradizionali in una produzione di avanguardia europea”.

I GolaSeca sono arrivati in finale lo scorso 26 novembre a Modena al Premio Pierangelo Bertoli per la canzone d’autore, nella sezione “Nuovi cantautori”.

Dichiarazione di Giancarlo Palermo, presidente dell’Associazione Brincamus

“Un’annata straordinaria per la nostra ancora giovane associazione, che in questo ultimo anno è cresciuta tantissimo, cambiando molto il nostro stesso modo di lavorare.

Per il futuro ci piacerebbe collaborare sempre di più con altre associazioni e realtà culturali in Sardegna e fuori dall’isola, puntando anche sul coinvolgimento diretto dei soci per l’organizzazione di eventi e per la promozione del loro stesso territorio, facendoli diventare come degli “ambasciatori” di Brincamus verso le istituzioni e le realtà culturali a loro più vicine.

Fuori dall’Isola ci piacerebbe continuare a coltivare e far crescere i legami con i Circoli Sardi della FASI (Federazione Associazioni Sarde in Italia) e in particolare con il Coordinamento Giovani, il cui lavoro costante e la cui presenza capillare sono assolutamente indispensabili per portare avanti gli scopi che si pone la nostra stessa associazione, ossia la promozione della nostra cultura a 360°.

Guardando fuori dai nostri confini, ci piacerebbe incrementare le nostre relazioni con i Circoli in Europa, in America e in Australia, con la collaborazione delle Istituzioni.

Un altro grande obiettivo che ci poniamo è anche quello di dialogare maggiormente con le Istituzioni e i media locali e nazionali, per incrementare maggiormente la visibilità e il riconoscimento che i nostri artisti si meritano”.

L’associazione

L’Associazione Brincamus nasce nel 2014, dall’esperienza del Progetto Brinc@ (dal 2008 al 2014) e del Su Sonu Festival (2012 con headliner Salmo), per far “saltare” il mare ai musicisti sardi. Tramite l’organizzazione di campagne promozionali, concerti, tour e festival e con l’obiettivo di rafforzare la presenza della musica prodotta dai sardi fuori dalla Sardegna, ha realizzato eventi e manifestazioni in Italia e in Europa. Bologna, base operativa dell’associazione, ha ospitato tre Brinc@ Festival, il Su Sonu Festival e tantissimi concerti nei più importanti live club cittadini. L’European Brinc@ Festival 2010 si è svolto, oltre che a Bologna, a Venezia e a Berlino, e le band partecipanti hanno calcato i palchi di numerose altre città europee. Sono saliti sul palco di Brincamus: Askra, Train to Roots, IOSONOUNCANE, Sikitikis, Piero Marras, Salmo e tantissime altre band.

La collaborazione con la Regione Sardegna, la FASI e i Circoli dei Sardi

Brincamus ha instaurato una forte collaborazione con la Regione Sardegna, la FASI (Federazione delle Associazioni Sarde in Italia) e i suoi Circoli sin dai tempi del Progetto Brinc@ (2008). Con essi ha realizzato eventi in molte regioni italiane e importanti progetti tra cui Musica in Circolo 2015, che ha coinvolto oltre 20 formazioni musicali che si sono esibite grazie alla rete dei Circoli della FASI.

Chi volesse informazioni per il tesseramento 2017 a Brincamus, può inviare un’email a segreteria.brincamus@gmail.com.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *