IL NOSTRO, UN IMPEGNO SANGUIGNO: CONVEGNO DEI TRASPORTI A COROLLARIO DEL IV CONGRESSO F.A.S.I. COORDINATO DA TONINO MULAS

ph: Tonino Mulas

di Massimiliano Perlato

Mentre al Congresso F.A.S.I. si riunivano le delegazioni dei giovani e delle donne per l’elezione dei Coordinatori Nazionali e si riuniva la Commissione elettorale e verifica poteri, prendeva il via il seminario dei trasporti coadiuvato da Tonino Mulas, responsabile di settore in Federazione. Nel suo dettagliato excursus storico è stato rimembrato con un ampio dettaglio di dati e passaggi, il percorso e l’impegno del mondo migratorio organizzato per tutelare i sardi emigrati per la bigliettazione e nel dialogo con i vettori del trasporto marittimo e aereo. Una sintonia con le compagnie mai semplice e, che è sicuramente da mantenere vivo e produttivo ogni anno, è una delle prerogative della Federazione delle Associazioni Sarde in Italia. Ci sono state in passato prese di posizione forti quali i sit in negli aeroporti del nord Italia, la presenza all’Unione Europea a Bruxelles per il riconoscimento del principio d’insularità dell’isola e la grande mobilitazione di massa in una manifestazione che ha coinvolto il movimento svoltasi qualche tempo fa a Roma. Mulas ha riproposto le fasi salienti della continuità territoriale, asse portante per la crescita del turismo in Sardegna e il  percorso nella continuità marittima nato in seno alla F.A.S.I. con l’impegno di Tullio Locci prima e Filippo Soggiu poi. L’esigenza del sardo emigrato, quello di prima generazione, che ha lasciato l’isola negli anni settanta, è quella di dare la certezza ai figli di tornare a “casa”. Ecco perché l’obiettivo di raggiungere un punto fermo e razionale e soprattutto equanime nell’aggiustamento del sistema dei trasporti che ha valenza sociale. Tonino Mulas nella sua relazione pone in evidenza la funzionalità di Eurotarget Viaggi F.A.S.I.  e i numeri di crescita negli ultimi anno per la bigliettazione legata all’appartenenza ai circoli dei sardi, possibile soprattutto grazie agli accordi con le varie compagnie navali. Questo sino al 2015, anno che ha poi visto la costituzione del monopolio Tirrenia-Moby sotto l’algida guida del patron Onorato. In chiusura dibattito attivo con i responsabili dei vettori del trasporto marittimo di Sardinia Ferries, Grandi Navi Veloci e Tirrenia-Moby.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *