WEEK END CON GRAZIA: ITINERARI A PREMI NEI MUSEI DEL NUORESE A 80 ANNI DALLA MORTE DELLA DELEDDA


a cura di Neria De Giovanni

Si è conclusa domenica scorsa la tre giorni organizzata dall’ “Associazione Distretto Culturale del Nuorese” congiuntamente agli istituti museali del territori, per omaggiare, nell’anno in cui ricorrono l’ottantesimo anniversario della morte e il novantesimo dall’assegnazione del premio Nobel, la scrittrice nuorese Grazia Deledda. Positivi i risultati in termini di partecipazione all’evento “Weekend con Grazia” che ha visto 5.605 accessi alle dodici strutture museali aderenti all’iniziativa e distribuite in sei comuni del territorio:Nuoro, Dorgali (Cala Gonone), Bitti, Orani, Mamoiada e Tiana. Un circuito virtuoso che ha connesso le diverse realtà museali in un’offerta integrata di attività culturali mirate, quali: reading letterari, laboratori tematici per bambini e adulti, visite guidate e convegni. Ottimo riscontro anche dal mondo delle scuole. Più di 120 tra bambini e ragazzi hanno partecipato ai laboratori didattici attivati dal Museo Deleddiano a Nuoro, dal Museo Nivola a Orani, dal Museo delle Maschere a Mamoiada e dall’Acquario di Cala Gonone. Buona l’affluenza anche alle visite guidate, ai reading letterari e ai convegni. Circa 5.000 i gadget distribuiti per un fine settimana che ha premiato la quasi totalità dei partecipanti. A sintetizzare le impressioni post-evento dell’Associazione, si riporta di seguito una nota del Presidente del Comitato Tecnico, Antonello Menne:
“Non è tempo di consuntivi, il cantiere è più che mai aperto. Tuttavia qualche riflessione possiamo cominciare a farla. Il Weekend con Grazia. Un Nobel per tutti è stato un momento di grande sperimentazione e anche di forte entusiasmo. Dopo diversi mesi di lavoro, le istituzioni museali del Distretto culturale Atene della Sardegna hanno dato prova di saper lavorare insieme e di progettare efficacemente, mettendo in campo competenza e professionalità, fantasia e concretezza. La grande motivazione culturale degli operatori ha suscitato interesse tra i visitatori, il fitto programma di eventi, tutti collegati fra loro, ha messo in evidenza che la rete è prima di tutto interconnessione fra le strutture e poi contaminazione fra esperienze e sensibilità diverse. Un metodo che ha finito per diventare l’anima del progetto, che ha fortemente risentito della grande spinta partecipativa di tutti i suoi protagonisti. Questo progetto ha voluto dire che si può fare animazione del territorio facendo leva sulle risorse locali, sul capitale umano e immateriale che proviene dalle singole comunità. Oggi Nuoro non è più «la piccola città che possiede la sua brava passeggiata, le sue piazze, i suoi caffè e il suo club», dove però si svolge la «vita più noiosa di questo mondo, sicché la più piccola novità basta a mettere in fermento gli abitanti pacifici…» (Grazia Deledda, Fior di Sardegna). Nuoro, e gran parte dell’area del Distretto, è una realtà viva, che è disposta a scommettere sulla cultura, che sa accogliere eventi e investire nei suoi musei e nelle sue tante esperienze di innovazione artistica. L’industria culturale è un segmento importante della sua economia e gli operatori, pubblici e privati, sono intenzionati a migliorare la loro organizzazione e programmazione. Certo, siamo di fronte a una nuova sfida, per la quale non può bastare l’intelligenza o la manifesta volontà propositiva degli operatori. Occorre, credo, il concorso di tutti, perché nessuno si deve sentire escluso. Se vogliamo riprenderci il futuro di questa amata terra, «il rimedio è in noi» e «bisogna avere cuore, null’altro…» (Grazia Deledda, Canne al vento).

Esprime soddisfacimento per i risultati ottenuti anche il Presidente dell’Associazione, Agostino Cicalò che sottolinea, non solo il gran valore simbolico della cooperazione tra tutte le istituzioni museali ma anche la capacità dell’Evento di produrre effetti positivi sull’economia del territorio. “Un progetto caratterizzato da un’unica linea grafica e di comunicazione – afferma il presidente – a conferma della volontà condivisa di procedere uniti verso l’obiettivo della promozione del territorio e delle sue imprese”. Le Celebrazioni Deleddiane proseguiranno sino al mese di dicembre.

*Le iniziative sono state realizzate con i contributi della Fondazione di Sardegna e della Camera di Commercio di Nuoro e il sostegno delle istituzioni museali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *