LA XXII EDIZIONE DE “SA DIE DE SA SARDIGNA” IL 18 E IL 19 GIUGNO A BIELLA CON IL CIRCOLO “SU NURAGHE”


di Battista Saiu

Il Circolo Culturale Sardo Su Nuraghe di Biella organizza, nei giorni 18 e 19 giugno 2016, la XXII edizione di Sa Die de sa Sardigna, Festa del Popolo sardo, patrocinata dalla Regione Autonoma della Sardegna, in collaborazione con la Città di Biella e con la F.A.S.I. (Federazione Associazioni Sarde in Italia).

Sabato 18 giugno, ore 21, nel Chiostro di San Sebastiano, serata all’insegna del folcklore con il Gruppo “Amedeo Nazzari” di Bareggio che proporrà danze e balli sardi, accompagnati da launeddas, solittu e organetto diatonico di Tore Agus. Con loro si alterneranno il Coro Valle Elvo che, da due anni, collabora attivamente con i cori Amici del Canto di Cossato e I Cantori di Camandona, diretti dal M° Mauro Mino Julio: tre formazioni in una sul palco della Festa sarda, continuando la felice condivisione già sperimentata in precedenti concerti e altre manifestazioni di rilievo, cui si unirà il Biella Gospel Choir, formazione nata nel 2005 dall’incontro di persone animate dalla passione per il canto e il genere “Gospel”.
Al centro della serata, gli studenti della Classe II B della Scuola Media di Mosso, che, con Massimo Zaccheddu, proporranno la canzone “Passeggiando per Budelli”.
Il brano è stato appositamente composto e musicato dal giovane cantautore sardo a sostegno della campagna lanciata dai giovanissimi ragazzi biellesi per salvare l’isola di Budelli dalla speculazione e farla diventare un centro di educazione ambientale per tutti gli studenti delle scuole italiane ed europee.

Domenica 19 giugno, ore 10.30, Missa Majore nella Basilica di San Sebastiano per pregare e cantare in lingua materna, sardo e piemontese. Nel tempio civico della Città di Biella, luogo della memoria in cui sono custodite le spoglie mortali di Alberto Ferrero della Marmora, amico dei Sardi e studioso dell’Isola, don Ferdinando Gallu, cappellano di Su Nuraghe e padre Daniele Stanistlav Botvina, guardiano della Basilica, celebreranno la Santa Liturgia decorata dalle Voci di Su Nuraghe – dirette dal M° Renzo Boin, coordinate da Giacomo Canu, accompagnate all’organo da Roberto Perinu – e dal coro La Campagnola di Mottalciata, diretto dai Maestri Simone Capietto e Denis Piantino.
Ore 12.00, cerimonia a Nuraghe Chervu. Per l’alzabandiera presterà servizio la Banda musicale di Cossato, cui seguirà la posa della pietra, opera di Piero Ottino, con le cifre del contributo biellese nel Primo conflitto mondiale: 3121 Caduti della provincia; sette “Sassarini biellesi” e sei biellesi emigrati, combattenti nella Legione garibaldina, caduti in Francia prima ancora che l’Italia entrasse in guerra.
A seguire, la benedizione impartita dalle Donne del Grano e quella religiosa in lingua sarda, data da don Ferdinando Gallu.Infine, le salve beneaugurali dei Fucilieri di Su Nuraghe.
Ore 13.30, pranzo sociale a Biella, al ristorante pub birreria “Vida Loca”, in via Torino, 66, dove verrà servito il menù della festa, con antipasti, primo, secondo, dolce, frutta, bevande e caffè. (18,00 Euro; prenotazione, 01534638).

Programma:

Sabato 18 giugno 2016


Ore 21,00 – Biella – Chiostro san Sebastiano – 
Balli, danze e suoni di Sardegna con il Gruppo Folk Amedeo Nazzari, launeddas, solittu e sonette di Tore Agus – Melodie italiane e alpine per salvare Budelli con i Ragazzi della Classe II B di Mosso con Massimo Zaccheddu – Biella Gospel Choir – Coro Valle Elvo di Pollone – Amici del canto di Cossato – Cantori di Camandona

Domenica 19 giugno 2016

Ore 10,15 – Piazzetta Alberto Ferrero della Marmora, salve dei Fucilieri di Su Nuraghe –Intrattenimento con la Banda musicale di Cossato

Ore 10,30 – Basilica san Sebastiano – Missa Majore con don Ferdinando Gallu e padre Daniel, decorata da Voci di Su Nuraghe e dal Coro La Campagnola, Mottalciata, distribuzione del Pane di Sant’Eusebio

Ore 12,00 – Nuraghe Chervu (formazione del corteo presso il piazzale della Pasticceria Brusa) – Sfilata con le Donne del grano, Fucilieri di Su Nuraghe. Autorità e Cittadini – Saluto del Sindaco di Biella – Alzabandiera con l’Associazione Nazionale Bersaglieri – Presterà servizio la Banda musicale di Cossato – Omaggio floreale ai Caduti sardi e ai Caduti biellesi – Benedizione col grano e benedizione religiosa in lingua sarda impartita da don Ferdinando Gallu

Ore 13,30 –  Pranzo sociale presso il Ristorante Vida Loca – Biella, via Torino, 66  (prenotazione 015 34638)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *