SASSARI PERDE CON ONORE: SCONFITTA A TRENTO AL TEMPO SUPPLEMENTARE


La Dinamo Banco di Sardegna esce sconfitta ma con onore dal campo della Dolomiti Energia: all’Aquila Basket servono 45 minuti per conquistare i due punti in palio nella 10° giornata di ritorno. Dopo un ottimo avvio, complice l’ottima prestazione di Pascolo nei primi 20’, i bianconeri vanno negli spogliatoi sul punteggio di 44-32. Ma al rientro dall’intervallo lungo i ragazzi di coach Federico Pasquini scendono in campo con fame e agonismo, riportandosi in parità e –in avvio di ultimo quarto- siglando dall’arco un autoritario sorpasso. Trento però resta li e con pazienza, e tanta intensità, chiude al 40’ in perfetta parità. Nei cinque minuti supplementari Poeta e compagni si impongono con energia e portano a casa il match. Per il Banco cinque uomini in doppia cifra: David Logan (12), Joe Alexander (16), protagonista di un grande secondo tempo, Josh Akognon (11), Rok Stipcevic (11), sue le due bombe fondamentali in avvio di ultimo quarto, e Jarvis Varnado. Per il centro biancoblu doppia doppia a referto con 14 punti e 12 rimbalzi catturati per un totale 24 di valutazione. Essenziale anche il contributo degli italiani, con le due triple dall’angolo di Matteo Formenti, fondamentali per sbloccare i compagni in due momenti delicati del match, e la grande intensità difensiva di Brian Sacchetti e Jack Devecchi.

Coach Federico Pasquini manda in campo Logan, Formenti, Akognon, Varnado e Kadji, coach Buscaglia risponde con Forray, Pascolo, Sutton, Lockett e Wright. Il Banco parte bene mettendo a segno un break di 4 punti con il duo Kadji-Varnado: la risposta trentina però non si fa attendere e travolge i biancoblu. Condotta da Pascolo l’Aquila firma un incredibile parziale di 13-0 che permette ai padroni di casa di costruire un solido vantaggio (18-9). Sassari litiga con il canestro. A sbloccare i giganti Petway e Alexander, aiutati da Logan (23-17). Nel secondo quarto Sacchetti, Akognon e Stipcevic provano a colmare il gap, la Dolomiti Energia tiene le distanze (33-28). Trascinata da Pascolo l’Aquila porta il vantaggio in doppia cifra, si va negli spogliatoi sul punteggio di 44-32. Al rientro dall’intervallo lungo la Dinamo mette a segno un parziale da 26-15 che permette ai ragazzi di Pasquini di riportarsi in partita. I padroni di casa possono contare sulla solidità di Peppe Poeta, infallibile dalla lunetta e pronto a monetizzare i falli avversari. Sono i lunghi sassaresi a condurre la rimonta e firmare il -1 (47-46). La partita diventa avvincente con botta e risposta tra Dinamo e Aquila: bomba di Formenti per il 51 pari, risposta dall’arco di Flaccadori e tripla di Akognon. Logan chiude il quarto con un sottomano rocambolesco, 59-58. Nell’ultima frazione quattro bombe dei giganti firmano il sorpasso biancoblu: merito di un autoritario Stipcevic e di un crescente Joe Alexander (61-70). Sutton e Wright riportano Trento a contatto. È la bimane di Wright a ristabilire la parità, sul cronometro restano 70 secondi: nessuna delle due squadre sblocca il risultato e si va all’overtime sul 76 pari. 8-0 dei bianconeri, Formenti sblocca i suoi con il piazzato dall’angolo. Break di 5 punti di Lockett, accorcia Stipcevic dalla media. Con poco meno di 40 secondi sul cronometro Trento si porta sul +10, il match finisce 93-81.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *