ELEONORA DUSE ANCORA A VENEZIA GRAZIE A “CENERE”: LA FONDAZIONE CINI PRESENTA IL FILM IN UNA COPIA INEDITA COLORATA DELLA CINETECA DEL FRIULI


di Neria De Giovanni

A Venezia, nell’Isola di San Giorgio Maggiore, nel mese di marzo sono ripresi Libri a San Giorgio, rassegna dedicata alle novità editoriali della Fondazione Giorgio Cini frutto delle attività di ricerca dei suoi Istituti in diverse aree disciplinari: dalla storia dell’arte alla musica del ‘900, dalla storia della Serenissima a Vivaldi, dal teatro all’etnomusicologia. In occasione dei cento anni dall’uscita del film Cenere, unica interpretazione cinematografica di Eleonora Duse, tratto dall’omonimo romanzo di Grazia Deledda, il Centro Studi Teatro rende omaggio a questa straordinaria pellicola e alla sua principale interprete con la proiezione pubblica di una copia inedita colorata, gentilmente concessa dalla Cineteca del Friuli. La proiezione è accompagnata da musica dal vivo a cura della pianista Roberta Paroletti. A introdurre la proiezione, una tavola rotonda per approfondire le tematiche legate alla pellicola e alla sua genesi. Interventi di Maria Ida Biggi e Maria Pia Pagani. L’Opuscolo del film Cenere  fu pubblicato dalla Casa di Produzione Ambrosio di Torino nel 1916. Grazia Deledda si recò a Torino per assistere alla prima proiezione del film negli studi della casa di produzione. Anche di questo viaggio poco si sa, anzi in molti manuali continua a restare inossidabile l’errore (voluto?) che vuole la nostra Grazia chiusa nella sua casa di Roma, al massimo in villeggiatura prima a Viareggio poi a Cervia, e in visita a Viadana da parenti del marito,. Ma sempre con poca mobilità…e Torino? E la sua visita di qualche giorno per discutere del futuro del film?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *