HARAKIRI CASALINGO: LA DINAMO SASSARI CEDE SUL PROPRIO PARQUET A CANTU’


Seconda giornata di ritorno amara per il Banco che non riesce a conquistare il match con l’Acqua Vitasnella Cantù, cadendo in casa 78-86. A coach Marco Calvani non basta un super Joe Alexander, autore di 27 punti con 10/13 da due, 4 rimbalzi e 5 falli subiti per un totale 31 di valutazione. I padroni di casa pagano il break subito nel primo quarto e le ottime percentuali al tiro dei brianzoli trascinati Heslip dai 6.75 (6/7) e Fesenko nel pitturato (20 pt con 8/10). Nonostante le difficoltà la Dinamo sfiora più volte la riapertura della partita, portandosi anche a un possesso di distanza prima di andare negli spogliatoi. Nel secondo tempo il copione è simile ai primi due quarti: nella terza frazione Cantù dilaga mentre negli ultimi dieci minuti i giganti non riescono ad imporsi nonostante la grande energia e produttività offensiva di Alexander, Stipcevic e Mitchell. Vero trascinatore della rimonta biancoblu è proprio Rok Stipcevic, autore di due triple fondamentali nel momento topico che hanno riportato il Banco a -5 al 35’.  Coach Marco Calvani manda in campo Haynes, Mitchell, Logan, Eyenga e Varnado, coach Bazarevich risponde con Ukic, Abass, Johnson, Fesenko e Hodge. I padroni di casa aprono il i giochi con Logan, Eyenga e una bomba di Haynes: per i brianzoli risponde il solo Fesenko, immarcabile nel pitturato, con 5 punti. I sardi mettono la testa avanti ma un break degli ospiti di 11 lunghezze permette il sorpasso all’Acqua Vitasnella. L’energia di Alexander limita i danni e il primo quarto si chiude 19-25. Nella seconda frazione la Dinamo trova tre leader diversi: Alexander a inizio quarto, il primo nelle fila biancoblu a raggiungere la doppia cifra e firmare il -5. Quando arriva la reazione brianzola è invece Stipcevic ad arginare i danni con 7 punti (34-41). È quindi il momento di Varnado che trascina i suoi con due giocate spettacolari, completa l’opera Alexander dalla linea di carità: si va negli spogliatoi sul punteggio di 43-45. Al rientro dall’intervallo lungo Mitchell firma la parità, dopo neanche due minuti di gioco però il Banco perde il suo centro Varnado, confinato in panchina dal quinto fallo. Ringrazia l’Acqua Vitasnella che si riporta sopra di 5. Mitchell suona la carica ma due triple di Heslip gelano il Palazzetto (49-63). È il trio delle meraviglie Alexander-Logan-Mitchell a chiudere la terza frazione 57-68. L’ultimo quarto è croce e delizia per il popolo biancoblu: i giganti cavalcano la rimonta riportandosi da -13 a -4, grazie a un intenso lavoro di squadra e due triple mortifere di Stipcevic. Il PalaSerradimigni è una bolgia. Il tabellone dice 71-75 quando ci sono ancora 5’ da giocare. L’Acqua Vitasnella però non molla di un centimetro e si affida alle doti balistiche di Heslip che con due bombe ricaccia indietro Sassari. A Logan e compagni non bastano gli ultimi 90 secondi per compiere l’impresa. Al PalaSerradimigni finisce 78-86.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *