IL CAPPUCCINO FRA LORENZO PINNA DI SARDARA VISTO NEL LIBRO DI DON ELISEO LILLIU


di Gian Piero Pinna

Don Eliseo Lilliu, ha conosciuto molto bene Fra Lorenzo, il mitico cappuccino nativo di Sardara, autore del più famoso Presepio che sia mai stato realizzato in Sardegna, visibile per tutto l’anno nel convento di via Sant’Ignazio a Cagliari. Eliseo Lilliu, nel dare alle stampe questa sua trentottesima opera, non ha fatto una semplice biografia, ma si è spinto molto più in la e leggendo con attenzione le prime pagine del libro, si ricava la netta sensazione che l’autore abbia messo in campo tutte le sue conoscenze da antropologo, tracciando uno spaccato di vita contadina come la si viveva ai tempi della fanciullezza di Fra Lorenzo.

Il volume arricchito con bellissime foto d’epoca, prima di entrare nel vivo dell’argomento, descrive come si viveva a Sardara quando Fra Lorenzo vide la luce il 20 dicembre del 1919. Alla nascita, al futuro Fra Lorenzo, gli venne imposto il nome di Benvenuto e l’autore spiega che la sua venuta al mondo ebbe del miracoloso in quanto la madre, per un intervento chirurgico subito, non avrebbe potuto avere figli. Eliseo Lilliu, nel descrivere la fanciullezza di Benvenuto, descrive minuziosamente come si viveva nella maggior parte dei paesi della Sardegna in quel periodo e informa il lettore di tutte quelle usanze che riguardavano le difficoltà della vita quotidiana, come la semplice disponibilità dell’acqua, che si doveva approvivgionare attraverso cisterne, o trasportare con le botti dalle fonti dei dintorni. Inoltrandosi nel racconto, Eliseo Lilliu descrive come si articolava la vita familiare nella Sardara dell’epoca, spiegando con puntiglio tutte le varie vicissitudini del fanciullo, le usanze, le feste, le ricorrenze tristi e quelle festose del paese e come il popolo le viveva, ma ancora le tradizioni, la gastronomia ancestrale e di sussistenza dei primi del Novecento, sino alla fatidica decisione di Fra Lorenzo di farsi frate, che a 17 anni, accompagnato dal padre, si presenta al convento dei frati minori cappuccini e il primo religioso che incontra è Fra Nicola, ma era anche l’otto settembre, giorno della natività della Madonna, forse due coincidenze che portarono bene al neo frate. Fra Lorenzo, dopo aver fatto inizialmente il cuoco, diventa un bravo infermiere, impara l’arte della fotografia e si intende anche di elettricità ed è sfruttando queste conoscenze, che nel 1948 allestisce il suo primo Presepio artistico nel Convento Maggiore di Sant’Ignazio a Cagliari, con numerose scene automatizzate e azionate elettricamente, dove si susseguono una serie di effetti di luce e proiezioni di diapositive, che rendono il tutto molto suggestivo e vario.

Il libro affascina anche per il modo con cui l’autore è riuscito ad analizzare la personalità multiforme dell’umile fraticello che sino a pochi anni fa, amava ritirarsi in solitudine per un mese nel Monte Arcuentu, facendo l’eremita circondato dalla natura e dagli animali che gli tenevano compagnia.

Sono tante le testimonianze che Eliseo Lilliu riferisce nella biografia di Fra Lorenzo, dimostrando di conoscerlo profondamente, anche perchè per alcuni anni hanno vissuto nello stesso convento.

Eliseo Lilliu, oltre che scrittore, è stato iscritto anche all’albo dei giornalisti per dieci anni. Alcuni suoi libri sono stati autentici fenomeni editoriali come l’opera Santi, santini, immaginette, diventato un’autentica rarità libraria.

Nel periodo in cui era nel Convento di Sanluri, vi ha creato a proprie spese e diretto per dieci anni, il Museo dei Frati Minori Cappuccini. Inserito come sacerdote nella diocesi di Ales – Terralba, attualmente è parroco della chiesa di Sant’Antonio di Santadi, ma a Terralba, suo paese natale, nella propria casa di famiglia, ha allestito un pregevolissimo Museo Pinacoteca, che per sua volontà, quando morirà, diventerà Museo Civico Comunale.

L’opera di Eliseo Lilliu “Fra Lorenzo”, è edita dall’E.P.D’O di Oristano in due formati: l’edizione normale, che  costa 25 euro, mentre quella di lusso, ne costa 50. 

Una risposta a “IL CAPPUCCINO FRA LORENZO PINNA DI SARDARA VISTO NEL LIBRO DI DON ELISEO LILLIU”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *