VINCE E CONVINCE LA DINAMO SASSARI CHE CHIUDE IL 2015 CON UN SORRISO: BATTUTA PISTOIA 80-75


È un grande quarto quarto (20-10) a consegnare la vittoria ai campioni d’Italia che battono Pistoia nell’ultima sfida dell’anno. In una partita in equilibrio per tutto il suo corso i giganti chiudono il 2015 con una delle più belle vittorie dell’anno: merito di una squadra in grande sintonia, condotta da un grande David Logan, autore di 13 punti, 2 rimbalzi, 6 falli subiti e 5 assist, che questa sera ha raggiunto quota 1000 punti in serie A, ma anche dell’apporto fondamentale di un grande Matteo Formenti, autore di un partitone  con 12 punti, 4 rimbalzi per un 16 totale di valutazione. Il Banco chiude con quattro uomini in doppia cifra, ottima serata di Haynes (16 pt, 6 falli subiti, 6 assist), doppia doppia per Jarvis Varnado a referto con 12  punti e 13 rimbalzi. 

Quattordicesima giornata di campionato: i giganti della Dinamo si presentano al PalaSerradimigni per l’ultima sfida del 2015. Avversario di giornata la Giorgio Tesi Group Pistoia di coach Enzo Esposito, sorpresa del campionato: per i sardi sarà fondamentale riproporre quell’intensità difensiva vista mercoledì contro Reggio Emilia.

Coach Calvani manda in campo Haynes, Petway, Logan, Formenti e Varnado, coach Esposito risponde con Knowles, Antonutti, Blackshear, Moore e Kirk. È David Logan ad aprire il match, seguito da Haynes: Pistoia si fa sotto con Antonutti e Knowles. I biancorossi mettono la testa avanti con un 6-0 che convince coach Calvani a parlarci su (8-11). Controbreak sassarese per il sorpasso: le due squadre si sfidano dall’arco. Una magia di Formenti sotto canestro e il contropiede di Haynes chiudono il primo quarto 25-21. I giganti bombardano, una tripla di Sacchetti sancisce il vantaggio in doppia cifra. I toscani recuperano il break con Moore, Kirk e Blackshear. Varnado conduce i padroni di casa, ma Pistoia trova un break in chiusura con Filloy dall’arco, Czyz sotto le plance e il contropiede di Knowles: si va negli spogliatoi e il tabellone dice 45 pari. Al rientro dall’intervallo lungo gli uomini di Esposito provano a scappare via, ma i sardi non ci stanno (51-56). Una bomba di Haynes innesca la reazione biancoblu, lo segue Eyenga con una schiacciata a chiudere il contropiede lanciato da Varnado. Break della Giorgio Tesi che, con il capitano Filloy e Antonutti, chiude al 30’ avanti 60-65. I toscani sono in fiducia condotti per alcuni tratti condotti da un grande Lombardi (ormai in doppia cifra), ma i giganti non ci stanno. Logan scherza Moore e gli ruba palla: una schiacciata in contropiede è il manifesto programmatico del Professore con il numero 3 sulle spalle. Varnado dalla media accorcia ancora, ma il vero capolavoro è il contropiede che sancisce la parità: Moore si fa ancora beffare da Logan, palla a Formenti, l’italiano serve Petway che inchioda la schiacciata del 75 pari. Il PalaSerradimigni è una bolgia. È il numero 5 ad andare in lunetta per il quarto fallo: a Matteo non trema la mano e sigilla il +5 quando restano 7 secondi e spiccioli sul cronometro. Finisce 80-75.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *