SASSARI DOMINA A CAPO D’ORLANDO VINCENDO IL DERBY DELLE ISOLE: 77 A 52. UNA DINAMO CONCRETA AGGANCIA IL SECONDO POSTO


Il Banco continua la sua cavalcata e mette a segno un’ottima partita al PalaFantozzi nella sfida contro la Betaland Capo d’Orlando. Gli uomini di coach Calvani si mostrano concreti e cinici fin dal primo possesso, tenendo i padroni di casa a 52 punti con una grande difesa a zona. In attacco Sassari può contare su quattro uomini in doppia cifra: spicca Marquez Haynes con i suoi 18 punti, 4/5 da tre e 3 assist, Logan (17), Eyenga (17 pt e 5 rb) e Stipcevic (12). Varnado, autore di una partenza sprint, ha messo a segno 9 punti mentre sono 11 i rimbalzi catturati da Petway. Menzione per gli italiani che, condotti dall’indomito capitan Devecchi, hanno dato l’apporto necessario alla squadra, con Sacchetti, ormai quattro titolare, e Formenti.

Nona giornata di campionato, dopo la vittoria autoritaria su Pesaro la Dinamo Banco di Sardegna scende in campo al PalaFantozzi contro l’Orlandina Basket per il posticipo. I ragazzi di coach Calvani sono arrivati in Sicilia direttamente dalla Russia, dove hanno messo a segno l’ottima prestazione contro l’Armata Rossa, una prova di intensità con una ottima risposta di squadra. Questa sera coach Calvani avrà tutti i suoi ragazzi disponibili, con Alexander completamente ripreso dal piccolo fastidio che lo ha fermato la scorsa settimana. Coach Marco Calvani manda in campo Haynes, Logan, Sacchetti, Eyenga e Varnado, coach Griccioli risponde con Laquintana, Perl, Jasaitis, Oriakhi e Bowers. Partenza sprint della Dinamo con un super Varnado, autore di 7 punti nei primi dieci minuti. I sardi scavano fino il vantaggio e sul 2-11 coach Griccioli chiama minuto. I padroni di casa si sbloccano con una tripla e recuperano lunghezze, complici anche le palle perse dal Banco. È Eyenga a chiudere il primo quarto dalla lunetta, il tabellone dice 11-18. Nella seconda frazione Basile apre le danze, Eyenga e Petway rispondono (17-25). Con 5 punti di Stipcevic il Banco allunga ancora, doppiando i siciliani con Logan e Haynes. Capo d’Orlando trova un mini break di 4 punti e chiude il primo tempo 22-39.  Al rientro dagli spogliatoi i ragazzi di Griccioli provano a costruire la rimonta con Bowers e Oriakhi. Ma la Dinamo resta in pieno controllo con Eyenga e Logan nonostante i falli dei lunghi (31-50). Due bombe di Haynes cacciano indietro l’offensiva siciliana e chiudono il 30’ 38-56. Parte bene l’Orlandina negli ultimi dieci minuti a disposizione per conquistare i due punti in palio: un 4-0 di Metreveli apre l’ultima frazione ma Stipcevic dall’arco risponde con autorità, aiutato da Petway nel pitturato. Il semigancio di Eyenga -quando mancano 5’ – sigilla il +20 sassarese (45-65). Una tripla di Haynes sembra chiudere la pratica, quando sul cronometro ci sono due minuti da giocare. Finisce 52-77.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *