AD IGLESIAS IL 5 DICEMBRE, LA PRESENTAZIONE DEL VOLUME “ARTE IN SARDEGNA”DI REMO BRANCA


di Piergiorgio Barranca

Il 5 dicembre prossimo, alle ore 18, nell’Archivio Storico di Iglesias, dopo i saluti di Emilio Agostino Gariazzo, Sindaco della Città e l’interventi di Piero Barranca, Presidente Associazione Remo Branca, ci sarà la presentazione del volume Arte in Sardegna di Remo Branca, ad opera di Giorgio Pellegrini e Paola Pruna. Saranno presenti anche Luciano Ottelli, Carlo Delfino e Francesco Paolo Branca, figlio di Remo Branca.
Il volume, è una ristampa anastatica, curata dall’editore Delfino ricavata da quella originale che fu pubblicata per la prima volta nell’ottobre del 1933.

Poliedrica figura di artista e intellettuale, Remo Branca visse ad Iglesias dal settembre 1925 fino al mese di novembre del 1936. Aveva dovuto lasciare Sassari, sua città natale, per motivi politico-religiosi, che lo avevano contrapposto duramente al fascismo. A Iglesias, il Preside del Liceo Scientico don Agostino Saba gli diede l’incarico di segretario e poi di docente. Più tardi Branca diverrà preside del Liceo. Durante il periodo in cui visse ad Iglesias, Branca diede un contributo di grande rilievo alla vita intellettuale e artistica della città mineraria. Fra le tante iniziative, è da sottolineare l’istituzione della Scuola d’Arte Decorativa, libera e gratuita, nella quale si formarono artisti iglesienti come Enea Marras, Giovanni Marras, Giorgio Carta e Battista Dore.

Nel libro Arte in Sardegna, Branca si esprime con viva partecipazione e col suo tipico stile nitido ed efficace su importanti figure del panorama artistico sardo del periodo: Ballero, Biasi, Ciusa,Delitala, Dessì, Figari, Floris, Manca, Cabras, Anfossi, Tavolara. Non manca nel suo scritto il giudizio schietto sull’opera dei suoi amici artisti, che egli ben conosceva, e allo stesso tempo l’entusiasmo che derivava dalla consapevolezza che fosse finalmente in atto la Rinascita dell’Arte Sarda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *