CONVEGNO INTERNAZIONALE SU SARDEGNA E LONGEVITA’: ALL’EXPO DI MILANO SI E’ PARLATO DELLA QUALITA’ DELLA VITA

Barbara Serra, giornalista di Al Jazeera International a Londra

Il taglio del nastro della settimana della Sardegna a Expo ha visto in apertura un convegno internazionale sulla qualità della vita, tematismo di cui l’Isola è capofila fra le regioni italiane. L’appuntamento nell’Auditorium di Palazzo Italia. Il convegno, dal titolo “La Qualità della vita. Una nuova visione per lo sviluppo sostenibile” è stato articolato in sei blocchi, uno per ogni aspetto legato al tematismo: sviluppo, longevità, cibo, ambiente, innovazione, istituzioni. Qualità della vita: tendenze e valore per lo sviluppo. L’evoluzione mondiale e i BES è l’argomento del primo blocco, con gli interventi di Aldo Bonomi, sociologo, coordinatore progetti regioni per Expo, e di Filomena Maggino, statistico sociale dell’Università di Firenze ed esperta di BES, l’insieme di indicatori che permettono di misurare il livello di qualità della vita dei territori. Qualità della vita e longevità è il titolo del secondo blocco, che ha avuto come relatori gli esperti di longevità Luca Deiana (Biochimico dell’Università di Sassari), Gianni Pes (medico nutrizionista dello stesso Ateneo) e Roberto Pili (Presidente della Comunità Mondiale della Longevità). Qualità della vita e food, cuore dell’incontro perché legato al tema centrale di Expo “Nutrire il pianeta. Energia per la vita”, che la Sardegna declina all’Esposizione Universale con contributi inediti e molto innovativi, è il blocco affidato a Lotta Jorgensen, svedese, co-editor di Fool Magazine (votata nel 2013 come la migliore rivista di food del mondo) e allo chef sardo Roberto Petza. Di qualità della vita, natura e ambiente, hanno parlato Donatella Bianchi, presidente WWF Italia e giornalista, e Augusto Navone, direttore dell’Area Marina Protetta di Tavolara Punta Coda Cavallo. Qualità della vita e innovazione è il titolo del quinto blocco, con gli interventi degli imprenditori eco-sostenibili Daniela Ducato e Luca Ruiu, il presidente del Crs4, Luigi Filippini, e con l’amministratore unico di Porto Conte Ricerche, Sergio Uzza. La parte conclusiva del convegno è stata incentrata sul ruolo delle istituzioni per la costruzione di un modello di qualità della vita per le regioni italiane, con i contributi di Carla Collicelli, vicedirettore del Censis, gli assessori regionali degli Affari generali, personale e Riforma Gianmario Demuro e del  Turismo, Artigianato e Commercio Francesco Morandi. A moderare gli interventi, la giornalista di Al Jazeera Barbara Serra. I sei blocchi tematici sono stati intervallati dai cortometraggi realizzati nell’ambito di Heroes 20.20.20. il progetto europeo nato dalla collaborazione tra Sardegna Film Commission, Assessorato Regionale dell’Industria e Sardegna Ricerche, con l’obiettivo di raccontare e diffondere le buone pratiche ecosostenibili delle filiere sarde.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *