E’ UNA SPORCA FACCENDA QUESTA DEI RIFIUTI: QUANDO LA COLPA E’ SEMPRE DEGLI ALTRI


di Giampaolo Cassitta

Le cose, più o meno in questo paese funzionano così: se qualcosa va bene è merito nostro, altrimenti la colpa è degli altri. Chi siano gli altri è facile da comprendere: il tuo vicino di casa, l’assessore che, chiaramente non hai votato, il consigliere regionale, il governo, i sindacati, la confindustria, l’Europa, la chiesa, gli americani, gli zingari e i gli extracomunitari. Dipende da cosa si parla e l’ordine delle colpe chiaramente si modifica. C’è poi un’altra visione esterofila di quello che accade: dalle altri parti tutto funziona. Lo si dice per i trasporti, gli aerei, i musei, i ristoranti (si spendono solo 10 euro, dalle altre parti) e lo si dice mica a ragion veduta (qualche viaggio di qualche parente o amico) ma solo perché dobbiamo comunque esprimere il nostro giudizio che, ovviamente deve essere negativo anche se non abbiamo le prove. In questi giorni, in Sardegna, è divampata la polemica sui rifiuti abbandonati e tutti si sono precipitati a raccontare la “vergogna” di un’isola sporca e in preda ai vandali. Però, a dire il vero tutto questo l’avevo già vissuto. Ad Alghero, per esempio, negli anni settanta e ottanta si andava al “Cantar” e al “canal de l’oma mort” a gettare reti, materassi e lavatrici. Era un modo per sbarazzarsi del vecchio nonostante a quei tempi di “vecchio” ne girasse sicuramente meno. Il problema è dunque squisitamente nostro: i nostri genitori gettavano i rifiuti dal ponte, poi noi e i nostri figli. Probabilmente lo faranno anche i nostri nipoti. Perché è una questione di “cultura”, essere convinti che il territorio è nostro e nel luogo considerato “lontano” tutto si può buttare. Quando però è apparsa la raccolta differenziata tutti abbiamo pensato che fosse tutto semplice. Basta seguire i colori dei cassonetti: dividere la plastica dalla carta, le lattine, l’umido e l’indifferenziato. Non era semplice. Non lo era affatto. La gente, quella che se la prende con l’assessore perché la città è sporca accusa, guarda caso, sempre l’assessore perché la differenziata è una cosa difficile e non serve a niente. Addirittura c’è chi scrive che l’introduzione della raccolta differenziata doveva portare ad un abbattimento delle spese. Ma così non è stato. E quindi la differenziata sembrerebbe inutile perché non ci fa risparmiare.
Non sono un profondo conoscitore della questione ma ho girato un po’ di luoghi e devo ammettere che “tutto il mondo è paese”. E’ vero che i famosi tedeschi o svedesi hanno le città più pulite, utilizzano il “peso” della spazzatura e quindi più differenzio meno pago, ma è pur sempre vero che gli stessi tedeschi e svedesi quando camminano sul selciato dei fori imperiali buttano la carta per terra. Questo significa che hanno una buona capacità d’adeguamento. Roma è sporca non per colpa dei romani (o, comunque, non solo). Fateci caso: a Piazza Navona, vicino alla barcaccia è pieno zeppo di lattine, così come ai bordi del Colosseo, Piazza di Spagna, Largo Argentina, Pantheon. Tutti luoghi dove transitano tutti i giorni moltissimi turisti, gli stessi che nel loro paese mai butterebbero o lascerebbero lattine sparse per la strada. Ed erano turisti (seppure teppisti a seguito di una squadra di calcio inglese) quelli che, ubriachi, hanno sfregiato la fontana di Piazza Navona. Dovremmo mettere più vigilanza? Certo, ma la vigilanza ha un costo e qualcuno quel costo lo deve pagare. Il problema non è della politica (intesa come uomini che ci governano) ma è politico, inteso come cultura politica. Partiamo dal presupposto che una città pulita è una città bella ma ricordiamoci che non si mantiene pulito e bello il nostro quartiere se si vomita la spazzatura nel quartiere degli altri (o in campagna). Abbiamo un ritardo culturale da colmare. Nelle scuole, per esempio è da pochissimo che si insegna ai bambini l’importanza di “differenziare”. Dovremmo cominciare ad imparare da loro e davanti al tedesco o francese che abbandona la lattina davanti al museo proviamo a dire se nel suo paese si comporterebbe nello stesso modo. Noi, che di turismo ci viviamo dovremmo essere i primi, in spiaggia, a raccogliere tutti i nostri rifiuti. Il buon esempio, come il cattivo, è sempre contagioso. Gli altri utilizzando dei metodi molto sofisticati per differenziare con controlli metodici e con una stretta vigilanza. Gli altri pagano più o meno quanto paghiamo noi ma dividono il costo in un altro modo: si paga la metà per la tassa sui rifiuti, l’altra metà, invece serve per pagare vigilanza e organizzazione. Alla fine spendono sempre cento ma ottengono un altro risultato. E’ solo questione di organizzazione. E dalle altre parti, quelle più menzionate, Svezia, Svizzera, Germania, Finlandia, le tasse le pagano tutti ed il gioco funziona bene e se li tributi non si pagano non date la colpa agli altri. Gli altri siamo noi o, comunque, sono tra noi.

Home Page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *