FABIO CABITZA, 35ENNE, A LONDRA DAL 1999 E’ MORTO L’ALTRA NOTTE. GESTIVA UN LOCALE IN HOMERTON STREET

Fabio Cabitza

Sarebbe stato ucciso dai tre ladri che ha sorpreso nel suo appartamento londinese. E’ una delle ipotesi sulle quali sta lavorando Scotland Yard che indaga sulla morte di Fabio Cabitza 35 anni di Gonnosfanadiga proprietario della nota pizzeria Goppà in Homerthon High Street.

Dalle prime notizie che filtrano dall’ambasciata d’Italia a Londra il ristoratore sarebbe morto dopo un volo di diverse decine di metri, probabilmente da una finestra del suo appartamento a Digby road.

A trovarlo sarebbero stati alcuni passanti che alle 2,54 della notte hanno visto il corpo esanime ed hanno chiamato i soccorsi. Quando i sanitari sono arrivati, qualche minuto dopo, hanno tentato di rianimarlo ma senza successo. Cabitza è stato dichiarato morto alle 3,20.

Ci sarebbero alcuni fermi.

La notizia in paese ha avuto l’effetto di una bomba. Il primo ad essere informato è stato il fratello di Fabio raggiunto al telefono da un amico. Cabitza aveva lasciato la Sardegna nel 1999. Come molti altri giovani era partito in cerca di fortuna. Era proprietario e direttore del bar-pizzeria Goppà.

Nella freddissima City aveva portato il calore della sua terra. Sul profilo facebook l’allegria e la spontaneità di un giovane che dopo molta gavetta cominciava a raccogliere i primi frutti di anni di sacrifici. Il suo pub era diventato punto di riferimento della comunità di sardi che a Londra vive e lavora. Ma anche punto di ritrovo dei tanti amici che lui invitava nel suo locale per assaggiare un pezzo di Sardegna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *