SAN SIRO AMARO! IL CAGLIARI ESCE SCONFITTO DALLA SFIDA CON IL MILAN: 3-1 PER I ROSSONERI


Continua la tradizione negativa del Cagliari a San Siro contro il Milan. 3-1 per i padroni di casa, in una gara aperta e decisa dagli episodi. Il tiro di Sau all’avvio, finito di poco fuori; la botta al volo di Mexes, che ha frustrato i rossoblù subito dopo il pari di Farias; la traversa di Joao Pedro sull’1-2; e l’errore arbitrale, che ha decretato un rigore al Milan per un fallo di Ceppitelli su Cerci avvenuto nettamente fuori area. E così ancora una volta il Cagliari resta a mani vuote, dopo aver disputato una partita all’altezza. Le hanno provate tutte, i rossoblù, per raddrizzare il match; ma la pressione esercitata non è servita per ottenere un risultato positivo. Un Cagliari che era partito fortissimo, ha subìto il contraccolpo del gol di Menez, ma che nella ripresa è rientrato in campo galvanizzato; la rete di Mexes è stata una frustata tremenda, eppure i rossoblù non si sono demoralizzati, continuando a premere. Il Milan a quel punto però ha fatto quadrato, chiudendo bene gli spazi e trovando varchi per affondare con i suoi velocisti. Suona crudele, il 3-1, per quel che si è visto in campo. Zeman aveva deciso di schierare dal primo minuto Donsah e Ekdal (capitano per l’occasione), con Gonzalez terzino destro. Subito Cagliari in avanti e occasionissima al 5′ per Sau, che riceve da Avelar, si libera con una finta di un difensore e calcia di prima intenzione, sul fondo. Al 21′, al primo affondo, il Milan passa: è una prodezza di Menez che dalla sinistra trova lo spazio per il tiro e fa partire una conclusione precisissima, che si infila nell’angolo lontano. Poco dopo Antonelli, pescato da un taglio di Honda, arriva solo davanti a Brkic, bravissimo a chiuderlo col corpo. Il Cagliari risponde specie sulla sinistra, con gli affondi di Avelar. Il terzino brasiliano sfiora il pareggio, la sua fiondata di sinistro si perde di poco fuori. E’ Farais però a suonare la carica: prima con un taglio sul quale Sau e Mpoku sono in ritardo, poi segnando il gol del pareggio ad inizio ripresa. L’azione parte da Ekdal che recupera palla sugli sviluppi di un calcio d’angolo per il Milan, la cede a Sau, tocco per lo scatto del brasiliano, che si trova uno contro uno con Mexes in area. Finta di Farias a liberarsi del difensore e pallone collocato nell’angolo opposto. Gioia di breve durata: due minuti dopo il Milan torna in vantaggio. Su un calcio d’angolo dalla sinistra, Mexes colpisce sporco al volo, il pallone si impenna e si infila fuori dalla portata di Brkic. I rossoblù caricano a testa bassa. Joao Pedro, subentrato dopo l’intervallo a Gonzalez con lo spostamento di Donsah a terzino destro, spinge incessantemente. Entra anche Cossu al posto di Mpoku. Al 58′ un tiro cross di Farias si perde di poco sopra la traversa. Al 74′ la cattiva sorte si accanisce contro i rossoblù: Farias cede all’indietro per Joao Pedro, che calcia di prima intenzione, colpendo la parte alta della traversa. Poco dopo l’episodio che chiude la gara: Cerci, subentrato a Honda, fila via palla al piede, e Ceppitelli non può fare altro che metterlo giù. Nettamente fuori area, come dimostrato dalle immagini televisive: l’arbitro Tagliavento invece indica il dischetto del rigore. Menez trasforma, spiazzando Brkic. Nel finale il Cagliari è tutto sbilanciato in attacco alla ricerca del pari, il Milan in contropiede ha due palle comode per rimpinguare il bottino, ma Brkic dice no due a volte al neo entrato Pazzini. Il Cagliari rimane a quota 21: dopo la sosta arriva la Lazio.


	

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *