CALENDARIO FITTO DI APPUNTAMENTI A ROMA CON L’ASSOCIAZIONE “IL GREMIO”: IL 28 MARZO FOCUS SUL PITTORE E SCULTORE MANUEL CAMPUS

locandina dell'appuntamento dell'8 marzo

di Antonio Maria Masia

5 marzo: per la serie “Incontri con il Cinema Sardo”, presso il Cinema Trevi, vicolo del Puttarello, 1 in collaborazione con la Cineteca Nazionale, a cura di Franca Farina, le produzioni di Marilisa Piga e Nicoletta Nesler:

ore 17.00 Anni Settanta a Sant’Elia  di Nicoletta Nesler  e Marilisa Piga (2014, 25’) – Un filmato del 1973 ritrovato per caso ripropone la memoria di un quartiere popolare affacciato sul mare, il vecchio borgo dei pescatori, abbandonato e ridotto a simbolo del malessere e del degrado sociale.

ore 17.30 Lilliu prof. Giovanni  di Nicoletta Nesler e Marilisa Piga (2013, 60’) – Il celebre archeologo Giovanni Lilliu viene affiancato dal nipote Gabriele di nove anni nel 1999, poi diciottenne nel 2008, in una visita  nei luoghi che hanno caratterizzato il corso della sua vita e della sua attività: Barumini, Tuili, Cagliari e la Cittadella dei Musei. 

ore 18.45  Inventata da un dio distratto  –  Maria Lai di Nicoletta Nesler e Marilisa Piga (1998/2000, 45’) – La storia e le opere dell’artista di Ulassai. Nel film compaiono soltanto donne di Ulassai, caprette di Ulassai come lei, ansiose di storie e di precipizi. Non un film d’arte o d’artista, ma un andamento, un sentimento del racconto e del narrare suo personale che le autrici restituiscono intatto. È un mood vicino al blues di parole. L’artista dà voce e forma a tutto, ma nasconde ancora segreti.

A seguire, selezione di Lunàdigas il webdoc  di Nicoletta Nesler e Marilisa Piga (2015, 25’) – Gran parte delle donne occidentali sceglie di non avere figli. Lunàdigas è dedicato a loro, a noi.

ore 20.00 Incontro introdotto da Antonio Maria Masia e moderato da Alessandra Peralta con Carlo A. Borghi, Pia Brancadori, Alessandra Di Pietro, Nicoletta Nesler, Marilisa Piga e Cristiana Scoppa.

A seguire:

Li casi   di Nicoletta Nesler e Marilisa Piga (1998, 30’) – Sceneggiatura di Umberto Cocco e Marta Maiorca a carattere etnografico sulla civiltà degli stazzi della Gallura, presentato fuori concorso alla IX Rassegna Internazionale di Documentari etnografici di Nuoro nell’ottobre  del 1998.

Santa Greca La festa di settembre di Nicoletta Nesler e Marilisa Piga ( 2000, 30’)  Documentario sulla festa di Santa Greca a Decimomannu.

8 marzo in occasione della Festa della Donna – In sala Roma, Via Aldrovandi 16, a partire dalle  17,30 parleremo di una donna sarda nuragica di oltre 2000 anni fa  “La Sacerdotessa di NUR”, con  l’autrice proveniente da Cagliari, Maria Teresa Petrini insieme a Neria De Giovanni.  A conclusione un brindisi con i prodotti sardi.

13 marzo presentazione del documentario e del libro, “Chiara Vigo, l’ultimo maestro di Bisso Marino”, a La Sapienza Università di Roma, aula ex/facoltà di scienze statistiche, piano terra, dalle ore 17 alle 19. Presenta il documentario l’attrice Maria Grazia Cucinotta, alla presenza di Chiara Vigo, dell’autrice del libro

, per la serie “Incontro con il Cinema Sardo”, presso il Cinema Trevi, vicolo del Puttarello, 1, Susanna Lavazza, della regista Rossana Cingolani e dell’editore Carlo Delfino.

27 marzo collaborazione alla Cineteca Nazionale: “Omaggio a Nanni Loy”

ore 17.00 Signore e signori, buonanotte di A.v. (1976, 117’)

ore 19.00 Detenuto in attesa di giudizio di Nanni Loy (1971, 102’) con Alberto Sordi

ore 21.00 Incontro con  Giorgio Arlorio sceneggiatore, Nino Castelnuovo attore, Sergio D’Offizi, direttore della fotografia, Paola Ugo curatrice del libro “Un regista fattaposta”

a seguire Italian Superman di Anonimo [Nanni Loy], episodio di Quelle strane occasioni (1976, 34’)

28 marzo, presso Gremio, via Aldrovandi 16  – in  Sala Italia – Biblioteca, Affreschi e Corridoio dalle ore 17,30 in poi Presentazione del libro “Sono nato, ma non posso morire”, biografia irriverente di Nadia Giannoni (scrittrice psicologa, sarà presente) sul grande pittore e scultore Manuel Campus (Domus De Maria (Cagliari) 27 marzo 1928). Il Maestro sarà presente  con l’esposizione di alcune fra le sue più importanti opere.  Alcune opere figurano nei maggiori musei nazionali ed esteri, oltre che in istituti bancari e religiosi, ospedali, comuni, prefetture e collezioni private. Tra queste: la Via Crucis realizzata per la chiesa di San Gabriele dell’Addolorata a Terni in terracotta bronzata; una grande opera (m. 6 X 4) raffigurante i Giochi Olimpici a Palazzo della Sanità di Terni; per la Sardegna è stata realizzata un’opera in bassorilievo ceramico composta da quattro pannelli, ognuna della dimensione di metri 4 X 2 raffigurante le quattro stagioni; per la Colombia una Via Crucis in bassorilievo in ceramica. Importante  la produzione delle grandi opere in bronzo e i suoi lavori  con l’incisione, la litografia, la xilofrafia fino al prepotente ritorno alla pittura con la quale ha raggiunto in breve tempo i più elevati vertici artistici. Dal 1963 ad oggi la sua attività pittorica e scultorea è indirizzata ed ispirata ai valori della “Non violenza” che ha avuto i suoi massimi esponenti in Gandhi e Martin Luther King. Sono di quest’epoca i quadri sull’emarginazione, sulla emigrazione, sulla droga. Con detto indirizzo non trascura i grandi temi propri del Giubileo 2000. Quando l’artista ha iniziato a disegnare e a dipingere l’opera intitolata “Golgota oggi” ha pensato ad un Cristo che, nel terzo millennio, potesse promuovere un’azione “rigeneratrice” e sconvolgente a tal punto da suscitare sdegno verso il male. Il lavoro è composto da 19 tavole, (2 metri X 1,40), ha ispirato filmati e composizioni musicali. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *