CELEBRATA LA FESTA DI CORPO E DELLE BANDIERE DI GUERRA DEL 151° E DEL 152° REGGIMENTO FANTERIA DELLA BRIGATA “SASSARI”

Sassari, caserma Gonzaga - il Gen. Nitti pronuncia un breve discorso

del Tenente Colonnello Marco Mele

La brigata “Sassari” ha celebrato la “Festa di Corpo e delle Bandiere di Guerra del 151° e del 152° reggimento fanteria” in occasione del 97° anniversario della battaglia dei “Tre Monti”, importante vittoria delle armi italiane che segnò la ripresa operativa e morale dell’esercito italiano dopo le infauste giornate di Caporetto e che valse la 2^ medaglia d’oro al valor militare alle bandiere di guerra dei due reggimenti. 

La storica ricorrenza è stata rievocata nelle caserme “Monfenera” di Cagliari (sede del 151° reggimento) e “Gonzaga” di Sassari (sede del 152° reggimento) nel corso di due distinte cerimonie alle quali ha partecipato il comandante della brigata “Sassari”, generale Arturo Nitti, presenti i comandanti dei reggimenti, i colonnelli Enrico Rosa e Raffaele Vladimir Forgione, gli ufficiali, i sottufficiali, i graduati, i cappellani militari, il personale civile dei due reparti e i familiari dei soldati sardi caduti in Patria e all’estero nell’adempimento del proprio dovere.

“Il mio deferente pensiero va a tutti i Caduti, alle loro famiglie e a quanti, con straordinario valore, altruismo e spirito di sacrificio, hanno combattuto nel corso dei due conflitti mondiali ed operato nelle missioni di pace”, ha detto il generale Nitti durante il suo intervento nel corso del quale ha evidenziato il fortissimo legame quello che unisce i “sassarini” delle origini, combattenti sul fronte del Carso e sull’altopiano di Asiago durante la Prima guerra mondiale, e quelli di oggi.

“Legame che va ricercato nell’essenza dei valori della Sardegna”, ha sottolineato il generale Nitti, “valori secolari come l’orgoglio di essere presenti laddove la Patria chiama in ossequio al solenne atto del giuramento che ogni soldato pronuncia davanti alla bandiera di combattimento affidata alle nostre unità militari, simbolo dell’onore dell’unità stessa, delle sue tradizioni, della sua storia”.

I militari della brigata “Sassari”, reduci dalla missione Isaf in Afghanistan, sono oggi impiegati a Roma nell’ambito dell’operazione “Strade sicure” dove operano a garanzia dell’ordine pubblico e della sicurezza a siti sensibili e ad alcune aree urbanizzate della capitale.

L’odierna ricorrenza anticipa una serie di iniziative che prenderanno il via nell’isola quest’anno in occasione del 100° anniversario della costituzione della brigata “Sassari” (avvenuta il 1° marzo 1915, data di costituzione dei due reggimenti, il 151° a Sinnai e il 152° a Tempio Pausania) e della commemorazione del centenario della Prima guerra mondiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *