IL TURISMO IN SARDEGNA NEL 2014 CHIUDE IN ATTIVO. PIU’ DIECI PER CENTO DI PRESENZE: BOOM PER CAGLIARI


Il turismo in Sardegna cresce del 10% nel 2014. Le statistiche sui movimenti elaborate e diffuse dalla Regione fanno registrare incrementi rispetto all’anno precedente.  Le presenze complessive nei primi 10 mesi del 2014 aumentano del 10,32%, gli arrivi crescono invece del 7,24%. Trainano soprattutto gli stranieri con +12,40% di presenze e +7,27 di arrivi. I turisti italiani, invece, si attestano a +8,64% di presenze e +7,21 di arrivi.  Da gennaio a ottobre si tratta dunque di 11.815.829 presenze contro 10.710.604 dello stesso periodo del 2013 e di 2.301.783 arrivi sui 2.146.457 dello scorso anno. La permanenza media dei vacanzieri resta circa di 5 notti, in linea con il 2013, anche se si conferma la tendenza agli short-break, sia da parte dei turisti italiani sia degli stranieri, concentrati soprattutto nei periodi di spalla. Incrementi importanti in gennaio con +33% sul 2013, in aprile con +23%, in febbraio con +17%e agosto con +12%. Il nord Sardegna registra una crescita significativa dell’11,14% di presenze e del 18,25% di arrivi nella provincia di Sassari e +13,20% di presenze e +17,25% di arrivi in Gallura. A Cagliari le presenze crescono con la percentuale più elevata di tutta l’isola (+14,87%), mentre restano stabili gli arrivi. Gli italiani rappresentano la fetta più importante del flusso turistico isolano con 6.429.144 di presenze e 1.234.903 di arrivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *