ANCORA RINVIATA LA PRIMA VITTORIA AL SANT’ELIA: E’ 1-1 CON IL GENOA. PARTITA STREGATA PER IL CAGLIARI

il rigore fallito da Avelar

Nemmeno contro il Genoa il Cagliari riesce a sfatare la maledizione del Sant’Elia. Ne è venuto fuori soltanto un pareggio e mai come questa volta la buona sorte ha voltato le spalle alla squadra rossoblù. In vantaggio con un gol di Farias, il Cagliari ha subìto gli attacchi di un Genoa caparbio e volitivo; il pareggio però è arrivato soltanto su una sfortunatissima deviazione di Rossettini nella sua porta. I rossoblù hanno ripreso in mano il possesso della partita, ma dopo il rigore fallito da Avelar che ha fruttato l’espulsione di Sturaro, nell’ultimo assalto è venuto a mancare Sau, costretto a uscire per infortunio, una volta effettuati tutti i cambi. Veramente una disdetta: con Marco-gol in campo, e contro un avversario stanco, gli ultimi minuti sarebbero stati probabilmente un’altra storia. Così invece il Genoa ha avuto buon gioco a gelare il pallone, nonostante la buona volontà di un Cagliari che ci ha provato davvero sino alla fine. Peccato: stavolta gli episodi hanno girato male per una formazione rossoblù ora attesa, dopo la sosta, a due impegni difficili contro Napoli e Fiorentina.  Per la sostituzione di Ibarbo e Crisetig, Zeman sceglie Farias e Joao Pedro. Parte meglio il Genoa, il pressing alto dei liguri costringe il Cagliari nella propria metacampo. Già al 2′ un pallone pericolosissimo di Perotti trova in ritardo Pinilla e Kucka. All’8′ Cossu ha un pallone buono, ma non cerca il tiro, serve un assist all’indietro, ma non c’è nessuno e l’azione sfuma. Al 16′ il Cagliari passa: fiondata di Rossettini a premiare il taglio centrale di Ibarbo che brucia sullo scatto Marchese, anticipa Perin e non ha che depositare in rete. Al 24′ spettacolare rovesciata di Pinilla, ma centrale, blocca Cragno. Tre minuti più tardi, Kucka con una bordata colpisce in pieno la traversa. Al 42′ Avelar appoggia all’indietro per Ekdal, pronta stoccata, alza in angolo Perin. Dopo l’intervallo Gasperini inserisce Lestienne al posto di Kucka, spostando Perotti sulla fascia sinistra. Al 53′ il maledetto episodio che determina il risultato: proprio Perotti scende palla al piede e mette al centro un cross forte, Rossettini, sorpreso, tocca mandando nell’angolo lontano. Al 62′ uscita di Cragno che toglie il pallone dalla testa di Pinilla, raccoglie Lestienne, tiro di destro che esce di un niente. Zeman cambia: entra prima Longo per Cossu, con Sau che si porta a sinistra, poi Dessena al posto di Joao Pedro. I cambi danno la scossa e il Cagliari inizia a premere. Conti su punizione colpisce in pieno il palo, con Perin sorpreso. Al 75′ un nuovo episodio che poteva cambiare le sorti del match. Avelar rovescia in area, Farias cicca dall’interno dell’area, Conti viene messo giù da Sturaro. Rigore e doppio giallo per il centrocampista genoano. Avelar, altre volte infallibile, indirizza il pallone sulla destra di Perin che si tuffa dalla parte giusta e ribatte: arriva Longo, il portiere è a terra, ma il tiro finisce sul fondo. Entra Donsah per Ekdal, e subito dopo Sau si infortuna e deve lasciare il campo: la squadra rossoblù non riesce a sfruttare la superiorità numerica. All’88’ Conti su punizione di Avelar non impatta bene il pallone che vola alto. Al 1′ di recupero Donsah, servito da angolo di Avelar, penetra in area, cerca il primo palo, ma Perin non si fa sorprendere. 1-1, il Cagliari sale a quota 10 in classifica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *