GHILARZA, PREMIAZIONI DEL CONCORSO REGIONALE DEI GIORNALI SCOLASTICI


di Gian Piero Pinna

Nell’Aula Magna del Liceo Scientifico di Ghilarza, il 25 ottobre, si sono svolte le premiazioni della terza edizione del concorso regionale dei giornali scolastici sardi. Un evento organizzato  dall’associazione “Più Sardegna”, presieduta da Mario Di Rubbo, col patrocinio del Comune di Ghilarza e della Confederazione Sindacale SNALS CONFAL di Oristano, che ha richiamato nel centro del Guilcer oltre duecentocinquanta studenti, delle primarie, degli istituti comprensivi e delle superiori, provenienti da diverse parti dell’Isola. L‘occasione, è stata anche un momento di confronto e dibattito sui temi del giornalismo e della partecipazione attiva  dei giovani che hanno presentato i loro giornali, valutati secondo i criteri dell’originalità, pertinenza dei contenuti e impostazione grafica, con punteggi crescenti da 1 a 10. Notevoli i risultati come quelli ottenuti dai ragazzi dell’Istituto comprensivo di Perdas de fogu, che sotto la guida di Giacomo Mameli, hanno rasentato la perfezione professionale e si sono classificati primi assoluti.

Per le primarie, il primo posto è andato a Il piccolo giornale dell’Istituto comprensivo n. 4 di Monte Gurtei a Nuoro, con la seguente motivazione: “Un giornale scolastico realizzato in modo molto simpatico, che sicuramente rappresenta il momento conclusivo, di un lavoro di sintesi comune, interdisciplinare, che ha coinvolto in modo significativo gli alunni, con una scelta di argomenti abbastanza variegati e interessanti”. Una menzione speciale, è andata all’Istituto comprensivo di Santulussurgiu e in particolare la Scuola primaria di Seneghe, per “Seneghe Diary”, che ha ricevuto una targa e la seguente motivazione: “Un lavoro buono e ben organizzato, a dimostrazione che il giornalino scolastico è un’esperienza dinamica e coinvolgente. I ragazzi di Seneghe, hanno dimostrato di avere maturata una certa capacità espressiva che poterebbe svilupparsi ulteriormente in futuro. Il giornale si presenta con un proprio stile e con una certa varietà di temi trattati.

Per le scuole primarie, altre targhe sono andate a: Istituto comprensivo di Marrubiu, Scuola primaria Arborea; Istituto comprensivo di Santulussurgiu, per la “Voce dei bambini” della primaria di Santulussurgiu; Scuola primaria Carlo Felice di Cagliari per “Da grandi curiosi a piccoli giornalisti”; Istituto comprensivo di Baunei, scuola primaria di Santa Maria Navarrese, per “Il gazzettino dellitaliano in gioco”; Scuola primaria dell’Istituto comprensivo n. 3 di Quartu Sant’Elena, per “Parole a… colori”, che ha ricevuto la seguente motivazione: “Interessante lavoro che dimostra un notevole impegno dei ragazzi, in un’attività  didattica  per  loro  insolita e nuova, ma che gli ha stimolati a realizzare con entusiasmo un  progetto  molto originale e creativo”. Il primo premio della scuola secondaria di I grado, è andato all’Istituto Mons. Saba di Elmas col “Corriere della scuola”, che ha ricevuto la seguente motivazione: “Una buona impostazione degli articoli che denota abilità linguistica e quella giusta dose di creatività, impegno e curiosità nel cercare le notizie con senso critico e spirito di osservazione”. Altri riconoscimenti sono andati: all’Istituto Caria di Borore, per “Nuova redazione”; Istituto comprensivo Monte Rosello basso di Sassari, per “Comenius News; Scuola secondaria Loru Satta di Villacidro, per “La gazzetta degli studenti”; Istituto comprensivo Deledda – Pascoli di Carbonia, per “Studia gitando”; Scuola secondaria di I grado di Siliqua, per “Il nuovo corriere della scuola”; Istituto comprensivo di Monti – Telti, per “La voce degli alunni”; Convitto nazionale Canopoleno di Sassari, per “Canopolando”.

Il primo premio per gli istituti superiori, è andato all’Ipsia di Perdas de Fogu, per un lavoro eseguito in modo quasi professionale, corredato da belle foto e con articoli di argomenti molto attuali.  Altri riconoscimenti al Liceo Sebastiano Satta di Nuoro, per “Diesis”; all’Istituto superiore Beccaria di Carbonia, per “Beccaria time”;  al Liceo magistrale Lussu di San Gavino Monreale, per “La gazzetta del Medio Campidano”; al Liceo scientifico statale Piga di Villacidro, per “Piga planet”; al Liceo scientifico G. Marconi di San Gavino Monreale, per “La gazzetta del liceo Marconi”; al Liceo scientifico A. Volta di Ghilarza, per “Volta pagina”. Il sindaco di Ghilarza, Stefano Licheri, ha posto l’accento sull’importanza della manifestazione assicurando il sostegno del Comune anche per le future edizioni del concorso..

L’ideatore della rassegna, Mario Di Rubbo, ha spronato i partecipanti a mettere in mostra le proprie creazioni giornalistiche, ricordando che tanti giornalisti sardi, sono saliti alla ribalta nazionale, grazie anche agli stimoli ricevuti a scuola. L’importanza del giornale come strumento informativo, ma soprattutto formativo, è stata al centro del breve ma intenso discorso del giornalista Giacomo Mameli, che ha ribadito con forza  che “quelli che hanno partecipato al concorso non possono essere chiamati giornalini, ma giornali veri e prorpi”.

Durante le premiazioni si sono esibiti giovani musicisti delle Scuole di Ghilarza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *