MANIFESTANTI DA TUTTA LA SARDEGNA ALLA BASE DI CAPO FRASCA: STOP ALLE BASI MILITARI, VIA ALLE BONIFICHE

nella foto Mauro Pili, dalla sua inchiesta su Capo Frasca della scorsa settimana, è cominciata la protesta contro le Servitù Militari della manifestazione odierna

Qualcuno pensava che tutto si sarebbe risolto nella solita manifestazione anti-militarista, animata da pochi reduci decisi a non arrendersi. E invece fuori dai cancelli del poligono di Capo Frasca si è riversato un fiume di persone, confluito dai quattro angoli della Sardegna. Prima mille, poi duemila: alla fine oltre 5 mila sardi in questo sabato di metà settembre hanno lasciato le loro abitazioni, sono saliti sull’auto o sul pullman e sono arrivati nei campi che circondano la base oristanese. Perché? Semplice: per dire che l’Isola negli ultimi cinquant’anni ha contribuito fin troppo a soddisfare le esigenze della Difesa italiana e ora è arrivato il momento di cambiare. L’iniziativa, partita dai movimenti indipendentisti, attraverso il megafono della stampa e dei social network ha raccolto un numero sempre crescente di adesioni, tra partiti, movimenti, associazioni e soprattutto semplici cittadini. Sul palco allestito a ridosso dell’ingresso della base, molti hanno preso la parola per chiedere un cambio di rotta. Giù dal palco, tra i manifestanti sorridenti e pacifici, striscioni e slogan hanno ribadito il concetto: “Basta con i poligoni, la Sardegna deve riappropriarsi del suo territorio”. Dietro i cancelli di Capo Frasca, i militari si sono schierati a controllo dell’area, aiutati all’esterno da polizia e carabinieri. Ma l’unico momento di tensione si è avuto alla fine della manifestazione, quando un gruppo di facinorosi ha lanciato pietre e fumogeni all’interno della base. Alcuni manifestanti sono anche entrati all’interno del poligono, ma la provocazione fortunatamente non ha avuto conseguenze.

2 risposte a “MANIFESTANTI DA TUTTA LA SARDEGNA ALLA BASE DI CAPO FRASCA: STOP ALLE BASI MILITARI, VIA ALLE BONIFICHE”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *