IN MEMORIA DI ALCUNI EMIGRATI PLOAGHESI IN FRANCIA SULLA BASE DI UNA DOCUMENTAZIONE TRATTA DAGLI ARCHIVI ONLINE

Prima pagina del Journal officiel del dicembre 1925

di Paolo Pulina

Nel  periodo di Ferragosto molti emigrati sardi nell’Italia continentale e all’estero tornano nei paesi di origine, accolti dal calore dei parenti e dei compaesani che spesso organizzano in loro onore anche una specifica Festa dell’Emigrato. 

Personalmente ho provato a scandagliare gli archivi consultabili on line di diversi enti francesi alla ricerca di dati sugli emigrati di Ploaghe (mio paese di nascita, di infanzia e adolescenza).

Dedico al loro ricordo le notizie di essi che ho trovato con la preghiera ai  loro discendenti che eventualmente si imbattessero in questo elenco di nomi di farsi vivi con me o tramite Facebook o via e-mail indirizzando a paolo.pulina@gmail.com

Ecco le notizie comparse sulla “Gazzetta Ufficiale” della Repubblica francese, cioè il “Journal officiel de la République française. Lois et décrets”.

 Il numero 1925/12/21 (A57, N299) – 1925/12/22,  dà notizia della seguente naturalizzazione, ai sensi dell’articolo Title : Journal officiel de la République française. Lois et décrets12, paragrafo 2 del Codice Civile:Publisher : Journaux officiels (Paris)

Fiori (Marie-Madeleine-Marguerite), sposata Aulicino, nata l’11 agosto 1890 a Ploaglie[sic!] (Italia), residente  a Marseille (Bouches-du-Rhône). 

Il numero 1928/01/08 (A60, N7) dà notizia della seguente naturalizzazione, in applicazione della legge 5 agosto 1914:

Pintore (Pierre-Maximin), scultore, nato il 7 marzo 1895 a Ploaghe (Italia), residente a Marseille (Bouches-du-Rhône), che ha due  figli minorenni, entrambi nati a Marseille: 1° Yvonne, il  15 luglio 1917; 2° Marcel-Constant, l’11 maggio 1926. Full bibliographic record

Il numero 1929/06/09 (N134,A61)  dà notizia della seguente naturalizzazione in applicazione dell’articolo 6, paragrafo 1 della legge del 10 agosto 1927 (lo stesso articolo di legge viene citato per le successive naturalizzazioni qui di seguito elencate):

– Nieddu (Antoine), giornaliero, nato il 5 marzo 1879 a Ploaghe (Italia), residente a Port-de-Bouc (Bouches-du-Rhône), che ha  cinque figli  minorenni: 1° Giovanna-Maria, nata il 5  marzo 1900 a Ploaghe; 2° Francesca, nata il 19 settembre a Port-de-Bouc; 3° Antonniette, nata il 26 marzo 1916 a Port-de-Bouc; 4° Nini, nata il 23 maggio 1920 a Port-de-Bouc; 5° Charles, nato il  21 settembre 1921 a Port-de-Bouc. – Condono totale.

Nela  (Maria-Caterina), sposata Nieddu, nata il 19 luglio 1883 a Ploaghe (Italia), residente a  Port-de-Bouc (Bouches-du-Rhône).

Il numero  1933/12/03 (A65,N283) dà notizia della seguente naturalizzazione:

Tedde (Antonio-Giovanni), operaio in una fabbrica di cemento, nato il 4 dicembre 1898 a Ploaghe (Italia), residente a  Saint-Etienne (Loire).

Il numero 1934/03/25 (A66,N72)  dà notizia della seguente naturalizzazione:

Fois (Giovanni), giornaliero, nato il 20 agosto 1891 a Ploaghe (Italia), residente a Marseille (Bouches-du-Rhône), che ha tre figli minorenni: 1° Joseph, nato l’8 ottobre 1919 a Portotorres (Italia); 2° Maria, nata l’8 gennaio 1922 a Marseille; 3° Aurélie, nata il 24 gennaio 1925 a Marseille. 

Il numero  1937/04/25 (A69,N97)  dà notizia della seguente naturalizzazione:

Manchia  (Giovanni), operaio di fabbrica, nato il  18 dicembre 1913 a Ploaghe (Italie), e Milia (Ester), sua moglie, nata il 7 gennaio 1917 a Cagliari (Italia), residente a Denain (Nord).

Il numero 1939/10/29 (A71,N264) dà notizia della seguente naturalizzazione:

Marongiu (Pierre-Marie), scaricatore portuale, nato il 28 marzo 1882 a Sorso (Italie), e Pulena [sic! sicuramente Pulina] (Eleonora), sua moglie, nata il  3 agosto 1887 a Ploaghe (Italia), residente a  Marseille (Bouches-du-Rhône). 

Il numero 1939/01/29 (A71,N25) dà notizia della seguente naturalizzazione:

Manchia (Giovanni), operaio minatore, nato il 23 aprile 1916 a Ploaghe (Italia), residente a Bauvin (Nord).

Nota bene

La Lista ufficiale dei prigionieri di guerra francesi compilata sulla base delle informazioni fornite dall’autorità militare tedesca, con nome, data e luogo di nascita e unità di appartenenza (la Lista è pubblicata dal “Centre national d’information sur les prisonniers de guerre” di Parigi), nel fascicolo n. 23 datato 30 settembre 1940 cita anche un ploaghese emigrato già presente nell’elenco qui sopra:

Manchia (Jean, quindi Giovanni), nato il 18 dicembre 1913 a Ploaghe (Italia), 2a cl., 1er R.I. (Régiment d’Infanterie; Primo Reggimento Fanteria).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *