AGLI EMIRATI ARABI PIACCIONO I PRODOTTI DELL’ENOGASTRONOMIA SARDA: HOSSAM HOREIKY NELL’ISOLA PER CONTO DI UNA SOCIETA’ DI DUBAI

Hossam Horeiky

di Gian Piero Pinna

Agli Emirati Arabi, piacciono i prodotti tipici della Sardegna e Hossam Horeiky,  un rappresentante di una grande compagnia di import – export araba, è nell’Isola per visitare le più grandi aziende agroalimentari sarde.

L’esponente della compagnia con sede a Dubai, ha confermato l’intenzione di investire in Italia, soprattutto sul fronte della produzione di eccellenza dei prodotti made in Italy.

Un annuncio che di fatto rilancia il nome  della Sardegna e coinvolge un gran numero di aziende sarde come: Mare di grano, per la pasta fresca, Smeralda, per i prodotti ittici, Cantina di Santadi, Caseificio di Santadi, Gourmet Sardegna, Bontà della Sardegna, Flomae, Dulcis e Riso della Sardegna.

“L’incontro e la visita guidata tra le varie Aziende, è stato l’occasione per consolidare il rapporto tra i nostri due Paesi – ha spiegato il presidente di Chef di Sardegna, Paolo Milani – questo contatto importante, serve per avviare una collaborazione che servità a far capire l’arte e la qualità offerta delle nostre aziende. Noi siamo convinti che per far questo, è necessario richiamare i grandi investitori a visitare e a toccare con mano le nostre produzioni migliori e più tipiche. Solo con questi grandi appuntamenti è possibile instaurare una fiducia reciproca ed estendere l’ambito di questa cooperazione nel breve e medio periodo”. Paolo Milani, ha ricordato anche che gli Emirati Arabi, sono “tra i Paesi più dinamici e ricchi del Mondo” ed è necessario portare capitali  dall’estero per poter far riprendere la dinamicità e  la fiducia del nostro commercio. Il direttore principale della Gourmet Partners, Hossam Horeiky, dal canto suo, non ha lesinato complimenti: “Sono lieto di essere in Visita in Sardegna e sono sbalordito della bellezza e della qualità dei suoi prodotti  e per questo ringrazio tutte le aziende che mi hanno aperto le porte”.

“Ora – conclude lo chef Milani, è il momento di far rinascere e far fiorire investimenti in Sardegna, ed è giusto che i sardi pretendano una riforma in termini di fisco, di infrastrutture, di trasporti, per porre il sistema sardo in grado di offrire condizioni interessanti ed economicamente convenienti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *