SOLIDARIETA’ AGLI ALLUVIONATI IN SARDEGNA: LA RACCOLTA FONDI A PESARO CON IL CIRCOLO “ELEONORA D’ARBOREA”


di Luigi Lilliu

In seguito all’alluvione causata dal ciclone “Cleopatra” abbattutosi sulla Sardegna il 18 novembre 2013, scatenando morte e distruzione, l’Associazione Culturale Sarda “Eleonora d’Arborea” di Pesaro  aprì subito il c.c. bancario n° 29902, denominato “Solidarietà per la Sardegna”. Ebbene, come sempre i pesaresi, e non solo, hanno risposto all’appello prontamente e con slancio, dando senso pieno alla solidarietà che, sotto una pluralità di aspetti, si basa sul principio del legame umano,  nutrito dal sentimento di fraternità con cui si partecipa al bisogno ed alla sofferenza altrui. Sul conto corrente, che esaurita la sua funzione è stato appena chiuso, sono affluiti 218 versamenti per l’importo complessivo di € 15.600 che è stato impiegato nel seguente modo: contributo di € 3.000 per l’acquisto di un trattore ad un imprenditore agricolo che ha avuto l’azienda distrutta (colture e infrastrutture spazzate via, terreni dilavati e bestiame ucciso);  € 2.000 quale aiuto a una famiglia per  i lavori urgenti alla propria abitazione, i cui impianti elettrico e idrico, sanitari e infissi sono stati  irrimediabilmente danneggiati e/o distrutti;  € 4.600 per la ristrutturazione della Cappella cimiteriale del Comune  Torpè, devozionalmente cara alla popolazione;  € 6.000 alla FASI (Federazione Associazioni Sarde in Italia), che in quanto rappresentante del sistema associativo nazionale intende sostenere uno o più progetti di una certa entità, sotto il vigile controllo di un Comitato di esperti  di sua fiducia. A nome degli sfortunati corregionali sardi che, soprattutto attraverso le generose oblazioni, vengono aiutati e incoraggiati a ripristinare le normali condizioni di vita e di lavoro, l’Associazione Culturale Sarda di Pesaro esprime la più sentita e profonda gratitudine a tutti per la sensibilità umana e partecipata vicinanza, promosse con encomiabile efficacia e tempestività dai mass media, fra cui Radio Città che per prima diede la notizia sulla catastrofe.  Grazie!  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *