TEMPO DI ELEZIONI COMUNALI AD ALGHERO PER LA CRESCITA DELLA “RIVIERA DEI CORALLI”: LA CANDIDATA MARIA GRAZIA SALARIS

Maria Grazia Salaris

di Maria Vittoria Dettoto

Incombono le amministrative sarde. Tra i comuni interessati dalla tornata elettorale, ce ne sono alcuni di notevole interesse socio economico nonché politico,per numero di abitanti,posizione geografica,importanza storico culturale. Il più importante è a mio avviso per la provincia di Sassari, il comune costiero di Alghero,fiorente cittadina sarda,diventata negli ultimi decenni fulcro dello snodo turistico del nord Sardegna,sopratutto a seguito delle sviluppo delle compagnie aeree low cost. Scelgo di intervistare Maria Grazia Salaris, candidata a sindaco del centrodestra sul cui nome un mese fa Forza Italia, Fratelli d’Italia, PSD’AZ e Nuovo Centro Destra hanno fatto sintesi. Questo è il suo punto di forza dice: il fatto che a differenza della sinistra divisa si in quattro, la destra ha deciso di coalizzarsi e stringersi su questa donna e madre, già ex assessore ai servizi sociali nella giunta  dell’ex sindaco di Alghero Marco Tedde suo grande sostenitore di Forza Italia e già candidata a sindaco nelle scorse comunali sostenuta dall’Api e dalla lista civica “Diversamente Alghero”. La incontro nel mercato Coldiretti rione Sant’Agostino,tra bancarelle e banchetti elettorali. I suoi avversari politici in questa corsa elettorale sono  cinque:Mario Bruno, candidato UDC e Upc; Graziano Porcu, Movimento Cinque Stelle;Stefano Lubrano, Patto Civico; Enrico Daga, PD e Fiorella Tilloca, Sel. Tra essi,quello che la Salaris ritiene “avversario vero”, è Mario Bruno, ex consigliere regionale ed ex PD,sul quale incombe un avviso di garanzia in tasca,che potrebbe portarlo in caso di elezione e di condanna,a decadimento dalla stessa poltrona a seguito dell’articolo 11 della stessa legge e ad un nuovo commissariamento della città di Alghero. Maria Grazia pone dunque l’accento anche sul fatto che un candidato a sindaco, non possa e non debba avere macchie che incombono sulla sua figura. Invita gli elettori a scegliere il suo nome, come scelta di rinnovamento improntato sul rilancio della città e sulla trasparenza dell’amministrazione della cosa pubblica. Amministrazione da realizzare in sinergia con la Regione da un lato e i cittadini dall’altro per creare occupazione e dare respiro ad una città che merita un rilancio economico e culturale,che passa dal bando della nettezza urbana,manutenzione delle spiagge, soluzione dell’emergenza abitativa attraverso l’individuazione di aree per l’edilizia sociale e agevolata. Il problema casa rappresenta ad Alghero un’emergenza,da affrontare senza indugio,cresciuta a seguito della crescita del disagio economico che vede progetti abitativi fermi a tre anni fa,che vanno immediatamente riattivati. Esperienza e rinnovamento caratterizzano i candidati in lista con lei. Prima di congedarci le rivolgo una domanda sui trasporti, essendo gli stessi elemento essenziale per il rilancio della città che da oltre cinquanta anni, rappresenta fiore all’occhiello della Riviera del Corallo. Risponde che è necessario abbattere i costi delle tratte da e per la Sardegna, renderli più fruibili aumentando al contempo la ricettività degli alberghi, B&b e delle altre strutture ricettive, le quali pur avendo avuto una crescita esponenziale negli ultimi lustri, risultano di fatto ancora insufficienti in termini di posti letto e poco competitivi in termini di costi equiparati ad altre località turistiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *