LA POESIA: L'URLO DI MUNCH


di Cristoforo Puddu

Sarebbe bello giocarsi la vita

con il coraggio della luce

con il pensiero e il sentimento

nei suoi diversi significati.

Tutti viviamo il sole

dell’alba e del mezzogiorno

ma non siamo dei Monet

per coglierne “Il levarsi del sole

o il “Pieno sole della cattedrale di Rouen”.

Il più delle volte inventiamo

cerchiamo il senso perduto della vita

in quel “Sole tropicale” di Nolde

in quel sole che non esiste

forse da cinquemila anni.

Ci abbaglia solo “L’urlo” di Munch

e le nostre mani disperate

serrate forte sulle orecchie

a difenderci dalla nostra voce –

dal dolore umano dell’anima

che esplode insopprimibile

come una tempesta.

Una risposta a “LA POESIA: L'URLO DI MUNCH”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *