INIZIATIVA AL CIRCOLO “GRAZIA DELEDDA” DI VICENZA IL 16 MAGGIO: LA QUESTIONE FEMMINILE, UN APPROCCIO PLURALE

Stefania Calledda

dal circolo “Grazia Deledda” di Vicenza

Venerdì 16 maggio 2014, ore 18.30, a Vicenza, presso Centro Culturale S. Paolo (Viale Ferrarin 30), l’Associazione culturale “Grazia Deledda” di Vicenza promuove una tavola rotonda su “La questione femminile: un approccio plurale”.  Interventi di: 
Ester Cois, Università di Cagliari – sociologa: “La questione di genere in Sardegna, in una prospettiva nazionale e globale”; 
Serafina Mascia, Presidente nazionale FASI: “Il ruolo delle donne nell’emigrazione sarda”; 
Franca Porto, Segretario Generale CISL Veneto: “La donna nel mondo del lavoro”; 
Valeria Mancini, insegnante, volontaria presso l’associazione “Orizzonti Comuni”: “Le donne migranti da e per il Veneto”. 
Introduce e modera Stefania Calledda. A conclusione “Aperitivo sardo”. 
Nell’ambito del progetto “La Sardegna è un’altra cosa – Un insolito viaggio nell’Isola”, coordinato dalla scrittrice Stefania Calledda, l’associazione vicentina “Grazia Deledda”, a partire dalla questione di genere in Sardegna, coglie l’occasione per allargare il dibattito al ruolo delle donne oggi, in generale, con una particolare attenzione alla figura della donna migrante. 
La storia e le storie individuali si fondono in un confronto aperto al pubblico, in un momento in cui la questione femminile si ripropone in maniera preponderante, proprio intorno ai grandi temi della crisi politica e culturale del Paese, oltre ai problemi del mondo del lavoro e al crescendo di violenze che finiscono per vedere nella donna la protagonista, spesso suo malgrado.  
La questione femminile sarda ci aiuta ancora una volta a comprendere e analizzare la contingenza nazionale, constatando un “filo rosso” che unisce le donne migranti di ogni terra, e coloro che quotidianamente si scontrano anche in Veneto con annose e mai risolte discriminazioni, continuamente divise tra famiglia, maternità, lavoro e sopravvivenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *