LES ART FLORISSANTS DE LA SARDEIGNE: LE AVANGUARDIE SARDE A PARIGI DAL 12 AL 16 MAGGIO

il soprano Lia Origoni (oggi 94enne)

Cinque giorni di confronto tra la Francia e la Sardegna per costruire scambi su tematiche artistiche, culturali, politiche ed economiche: è questa, da dodici anni a questa parte, l’ambizione del festival internazionale “Les arts florissant de la Sardaigne”, organizzato dall’associazione Suoni e Pause con la direzione artistica di Irma Toudjian. Ospite dal 12 maggio nella Maison d’Italie, alla Cité Universitarie di Parigi, Les Arts Florissants de la Sardaigne sarà un occasione per mettere in vetrina il meglio della cultura e dello scenario artistico isolano, con mostre, cinema d’essai, musica ed esplorazioni visive. Il festival, che da sempre si caratterizza per la sua apertura alla ricerca e alle tematiche più attuali, raccoglie alcune delle migliori espressioni artistiche provenienti dall’isola ma spesso ben conosciute anche nel panorama nazionale e internazionale. Come la cantante soprano Lia Origoni, 94 anni, oggi alle prese- dal suo buen retiro maddalenino- con la tecnologia e i computer: un ritratto delicato e divertenteil suo, sospeso tra passato e futuro e fissato nel docu-film di Tore Manca “Music non stop”. O come il pianista Samuel Tanca, al suo attivo importanti collaborazioni internazionali a Milano, Roma e Parigi. O il regista Giovanni Coda che con il suo film Il Rosa nudo, sui crimini dei nazisti contro la comunità omosessuale  ha ottenuto il Gold Jury Prize ‘Best Narrative Features’ al Social Justice Film Festival di Seattle arrivando alla candidatura ufficiale per i David di Donatello.

Il programma. Les arts florissants de la Sardaigne si apre il 12 maggio con l’inaugurazione di Plages II, esposizione fotografica di Nadia Prete, già presente al Salon International de la Recherche Photographique di Royan e a Parigi al Salon de la Jeune Peinture e a L’Institut de Géographie. Lo stesso giorno Samuel Tanca propone un concerto per Piano su musiche di Ennio Porrino, Lao Silesu e Franco Oppo.

Martedì 13 spazio al reading con quattro testi, scritti da Carla Cristofoli e Maria Luisa Massa, sul tema Rivelazioni del quotidiano. A leggere saranno la stessa Massa e Sara Rainis, entrambe attrici professioniste, accompagnate al pianoforte da Irma Toudjian.

Mercoledì 14 è la volta di Giovanni Coda con il suo video-concerto Rosa nudo-Redux. Sarà accompagnato dalle musiche originali di Irma Toudjian e Arnaldo Pontis. Quest’ultimo realizza produzioni tra multimedia, video e computer art, musica elettronica e rumorismo industriale.

Giovedì 15 è di scena il reading “Navigare i confini” di Fabrizio Casti, Alessandra Seggi e Ornella D’Agostino in cui attraverso la musica, il video e la danza, si racconta il romanzo dell’autrice francese Patricia Bourcillier “Sardegnamadre. L’île et l’autre”. 

Venerdì 16, ultimo giorno, ancora cinema con due cortometraggi premiati nell’edizione 2013 del concorso Il cinema racconta il lavoro, organizzato della Cineteca Sarda di Cagliari. Si tratta di: Tu ridi di Chiara Sulis e Culurzones di Francesco Giusiani.

Il sipario sull’edizione 2014 di Les Arts Florissants de la Sardaigne si chiude con il film dedicato a Lia Origoni, soprano un tempo nota in tutta Europa. Nel film Lia interpreta se stessa alle prese con una vita sempre più tecnologica, frenetica e meccanica. Accompagnano il video la danzatrice Daniela Tamponi e le musiche di Arnaldo Pontis. Partecipano Irma Toudjian e Alex Ledda alle batterie elettroniche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *