MARIA LAI, ANSIA D'INFINITO: UN LIBRO, DUE FILM DI CLARITA DI GIOVANNI. IL 12 APRILE CON L'ASSOCIAZIONE SARDA "IL GREMIO" A ROMA


di Antonio Maria Masia

Attraverso la presentazione di un’ opera che può considerarsi la ricognizione più completa  della figura e del percorso dell’artista recentemente scomparsa. Composta da 2 film e un libro di approfondimento, magnificamente illustrato con immagini inedite e con contributi di critici d’arte di importanza internazionale e testimonianze di chi con Maria Lai ha condiviso un percorso artistico o familiare (Achille Bonito Oliva, Cristiana Collu, Manuela Gandini, Maria Dolores Picciau, Maria Sofia Pisu, Guido Strazza).

Arricchito dalle fotografie di Stefano Gramito Ricci e da immagini d’archivio il volume è curato dalla regista Clarita Di Giovanni che ha diretto i due film che completano questa preziosa edizione: il pluripremiato “Ansia d’infinito”, durata 52 minuti, (presentato nel 2010 con grande successo al festival del cinema di Roma, a Miami all’interno del programma della più grande fiera dell’arte contemporanea negli States, a Berlino, Milano e diverse altre prestigiose località) e l’inedito “Postscriptum”, durata 45 minuti, realizzato col contributo della Film Commission della regione Sardegna che raccoglie l’ultima intervista video di Maria Lai.

Il programma prevede, come da locandina:

 il 12 aprile all’ Accademia di San Luca, piazza dell’Accademia di San Luca (vicinissimo alla fontana di Trevi): 

–       ore 11 presentazione dell’opera monografica,

–       ore 12 proiezione di “Ansia d’infinito”;

–       ore 13  chi lo desidera si sposta al Sardegna Store via XX Settembre, 21  per un interessante aperitivo, ed ulteriori contatti con le opere di Maria Lai. 

L’incontro  del 12 aprile all’Accademia di San Luca, sarà preceduto, il giorno prima  l’ 11 aprile,  alle ore 17,30 al Sardegna Store in via xx Settembre n. 21, dalla proiezione di “Postscriptum”; a cui farà seguito  una degustazione guidata e narrazione con  prodotti sardi d’eccellenza  a cura di Sapori di Sardegna.

Sino al 30 aprile sarà possibile, al Sardegna Store, la consultazione del catalogo delle opere di Maria Lai e la visione di “Postscriptum”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *